Granato, PaP: “Brucia, la nostra Campania, sempre più Terra dei fuochi”

terra dei fuochi

Brucia, la nostra Campania. Sempre più Terra dei fuochi.
Ancora un rogo tossico, ancora emissioni di agenti della morte nell’aria, ancora un estate d’inferno quella nella cintura tra napoletano e casertano. Né Caldoro né De Luca hanno fatto qualcosa per cambiare la situazione.
Le prime notizie parlano di rifiuti tossici e io mi chiedo come siano finiti lì a Giugliano, chi ce li abbia portati, da dove li abbia presi.
Ecco come imprese criminali smaltiscono i rifiuti: gli danno semplicemente fuoco.

Loro risparmiano sullo smaltimento e il portafogli di qualcuno si gonfia

I loro risparmi sono però costi che paghiamo noi: e non si chiamano solo bonifiche da dover pianificare, ma prim’ancora tumori e morte.
Controlli e ancora controlli. E poi riduzione dello scarto, raccolta differenziata, campagne di sensibilizzazione e prevenzione. Piccoli impianti di compostaggio aerobici. C’è un mondo di cose da fare senza doversi arrendere al business, legale o illegale che sia, dei rifiuti.
“La mia terra non deve morire”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*