Granato, PaP: “Nel Cilento c’è la speranza e un bel pezzo di futuro nella nostra Campania”

Sono appena rientrato dal Cilento: in giro con Filippo Isoldi tra Caselle in Pittari, Morigerati, Casaletto Spartano, Battaglia, Tortorella, Sapri.
Quando uno pensa a questo pezzo di Campania la mente va alle bellezze che ci hanno regalato natura e storia: Baia degli Infreschi, la sorgente “Capelli di Venere”, il fiume Bussento che viene inghiottito dalla terra per poi riemergere dopo qualche km, la Teggiano medievale, le torri di avvistamento contro i Saraceni…

Ma questa è una parte

C’è un altro tipo di bellezza, che parla di un domani che viene costruito nel giorno dopo giorno del presente.
Giovani che mettono in piedi cooperative per prendersi cura della propria terra e produrre grano e altri prodotti, scuole che sono un tuffo nel futuro dell’educazione ambientale con eco-merende e piccoli impianti di compostaggio, e poi ancora iniziative e festival culturali. E per finire: la dignità della nostra gente, che ha la memoria lunga e sa come accogliere gli sciacalli alla Salvini.
C’è un filo rosso che unisce tutte queste esperienze: non rassegnarsi allo spopolamento, all’emigrazione, a soffrire mentre pochi ingrassano.
In queste esperienze c’è la speranza, c’è un bel pezzo di futuro nella nostra Campania.
Il 20 e 21 settembre mandiamo a casa chi vuole sbarrare il passo al futuro, chi sa regalarci solo mediocrità.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*