Granato, PaP: “De Luca come It di King; un mostro che si nutre delle nostre paure!”

de luca

“It” è uno dei pagliacci più famosi della storia della letteratura e del cinema. King l’ha immaginato come essere mutaforme, capace di assumere le sembianze delle paure più grandi degli abitanti della città di Derry nel Maine. Perché è questo che fa “It” e che gli dà forza: sfruttare le paure.

Vincenzo De Luca dev’essersi ispirato proprio al personaggio di King: come il più celebre pagliaccio, anch’egli sfrutta la paura degli abitanti della Campania, cerca di trarne forza, nel suo caso elettorale.

L’ordinanza 67 varata nella serata di ieri è l’ultimo esempio di dispiegamento di questa strategia. A De Luca non basta il provvedimento del Governo nazionale: deve mostrare di essere il più duro di tutti. Ne va del personaggio che si è costruito.

In questi mesi De Luca se n’é fregato di imbastire campagne informative e di attrezzare una politica sanitaria fondata sulla prevenzione. Si è limitato a giocare con le paure, alternando uno sbandierato orgoglio per quello che avrebbe fatto per salvare la Campania, individuando di volta in volta un nemico diverso (prima i runner, i giovani, e oggi chi osa fare una vacanza all’estero), con un terrorismo psicologico da padre padrone che ritiene il proprio popolo più un gregge di pecore che un insieme di persone pensanti.


 

Qual è il risultato nell’immediato della sua ordinanza 67?

Confusione, panico, smarrimento. Come sostiene Popoli su “La Repubblica Napoli”, riportando le interviste effettuate all’aeroporto di Napoli Capodichino a turisti campani di ritorno dalle vacanze.
O come quello che sta vivendo chi, dopo qualche giorno all’estero, coscienziosamente si è autodenunciato, seguendo il dettato della nuova ordinanza: una mail all’ASL, l’auto-isolamento. E da lì però comincia l’attesa. Le ASL non riescono a rispondere praticamente a nessuno. Trovare un operatore al telefono è un miracolo. Passano i minuti, nessuno risponde, agganci la cornetta e torni ad aspettare.
E i tamponi? Secondo il provvedimento del Ministro Speranza arriveranno a casa entro 48 ore. Tuttavia, come ha ammesso un dipendente dell’ASL NA2, al momento la sanità campana non è attrezzata per effettuare i tamponi a domicilio.

E mi chiedo: com’è possibile? Cos’ha fatto De Luca in tutto questo tempo? La Campania è la terza regione nella classifica della spesa sanitaria ai tempi dell’emergenza (206mln di euro), dopo la Lombardia, ma addirittura prima del Veneto. C’è una voce, però, per la quale siamo in fondo alla classifica: proprio i tamponi! Non c’erano durante la fase acuta dell’emergenza, quando nemmeno implorarli incessantemente sbloccava la situazione. E non ci sono oggi.
Politica è anche programmazione e pianificazione. La maggior parte degli scienziati parlava del rischio di una recrudescenza del virus e invitava ad attrezzarsi per tempo.

Fuori dalle dirette FB del venerdì, cos’ha fatto De Luca?

Infine: che senso ha imporre la quarantena indiscriminatamente a chi torna da qualsiasi paese nel mondo, anche laddove si è stati in paesi a casi zero? E come la mettiamo con chi torna dalla Lombardia (+102 casi nella sola giornata di ieri, a fronte dei +196 della Grecia, coi suoi 10 milioni di abitanti, uguali a quelli della Regione del Nord Italia)?

Chi specula sulle nostre paure non è degno di gestire la cosa pubblica, si prende cura della propria gente ma solo del proprio tornaconto.

“La paura ti rende prigioniero. La speranza può renderti libero.”
Stephen King

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*