Intervista a Paolo Malato, coordinatore campano di RES

paolo malato

Dopo i drammatici sei mesi di inizio anno e quanto accaduto durante e dopo il lockdown, nonostante il caldo agostano sui media si parla di elezioni regionali.

Le imprese e i consumatori, insieme, vivono una fase di profondo malessere, poiché la crisi che vive il paese è pesante.

L’aria che tira evidenzia un pessimismo che l’attuale classe politica, opposizione inclusa, ancora non ha capito come spazzare via.

Una domanda su tutte, poi, ancora non ha trovato risposta: “Quando questo paese potrò avere una guida più incisiva ed efficace tale da invertire la tendenza degli ultimi quarant’anni?”.


 

Per questo motivo la nostra redazione è andata a cercare nei possibili nuovi scenari quei movimenti che sembrano acquisire giornalmente i consensi le aspettative di molti.

 

Abbiamo, così, intervistato l’ingegnere Paolo Malato, napoletano doc, che fa parte del Consiglio Direttivo Nazionali di RES (acronimo che sta per Rinascimento e Sviluppo) al quale abbiamo posto diversi quesiti.

 

 

Ingegnere ci racconti sinteticamente qualcosa di lei e del suo ruolo nel Movimento  RES ?

 

 

“Dopo la laurea in ingegneria elettrotecnica, ho lavorato nel settore  informatico e nel settore delle telecomunicazioni in aziende di grandi dimensioni.  Ho seguitò con attenzione quanto la crisi istituzionale abbia cagionato i gravi danni che sono sotto gli occhi di tutti ed ho pensato che non si poteva più non provare ad invertire la rotta. Mi sono avvicinato al Movimento  RES perché ne condivido i  principi ispiratori quali la necessità di una  rivoluzione istituzionale basata sulla moralità, sulla necessità che il governo sia affidato a meni esperte e non contaminate dalla vecchia politica e sulla necessità da parte di chi ci governa di rappresentare veramente gli interessi di tutto il paese. In RES ho assunto dapprima la delega alla Commissione Sviluppo Digitale e successivamente il coordinamento del movimento in Campania”.

 

Le elezioni autunnali daranno a suo avviso responsi di possibili cambiamenti?

 

“La gravità della crisi, il Covid-19 e la scarsa unità di intenti delle forze al Governo credo non siano alleati validi per affrontare adeguatamente il rilancio del paese. Ritengo, poi, che prima di tutto gli italiani debbano acquisire la piena consapevolezza di dover recuperare la dignità di essere un grande paese, dalle enormi potenzialità nel settore industriale e dei servizi, con una spiccata propensione alle attività commerciali verso l’Europa del Nord, verso l’Africa e verso il Medio Oriente. Fondamentale sarà recuperare l’onestà gestionale e la credibilità internazionale”.

 

Cosa intende per recupero della dignità?

 

“L’Italia negli ultimi quarant’anni ha perso competitività in settori come la scuola e l’università, quello dei trasporti e delle infrastrutture, ed ha un ritardo nella digitalizzazione preoccupante. Il debito pubblico, poi, è andato fuori controllo e la percezione di parte dell’Europa è che gli italiani siano un popolo di spendaccioni che non vogliono applicare delle riforme.  Eppure quello italiano è ancora un popolo virtuoso e innovativo, che ha radici culturali profonde. Il principale errore degli italiani è stato quello di dare un assegno in bianco a coloro che, per sistema, sono riusciti a farsi votare ed hanno governato gli ultimi 40 anni”.

 

Quali sono i principali errori commessi?

 

“La vendita o meglio come dicono in molti la svendita di un importante patrimonio industriale, la mancanza di una politica finalizzata alla reale semplificazione ammnistrativa, la mancanza della riforma della giustizia e la totale assenza di una politica industriale. In sintesi, i governi degli ultimi quarant’anni hanno portato  avanti  gli interessi  di pochi, a discapito del bene comune. Questa sconfitta ha fatto perdere i migliori giovani costretti ad andare all’estero per aver un’opportunità di lavoro che non fosse mortificante. Tutti in Italia sanno quanto sia stato più importante avere una buona raccomandazione piuttosto che contare sul proprio valore morale e professionale. Purtroppo in Italia si viaggia sul clientelismo a 360 gradi, mentre all’ estero il mondo del lavoro è più orientato verso la meritocrazia”.

 

Secondo RES il Recovery Fund può essere una opportunità?

 

 

“La cifra a disposizione del nostro paese è importante, ma quali sono le condizioni?  Cosa sarà richiesto all’Italia per la concessione della sua parte del fondo?  La risposta va quindi ricercata nella necessità da parte del governo di mettere in campo le politiche adatte a quelle che saranno le richieste dell’Europa. Se il paese non fosse in grado di stilare programmi e metterli in campo? Verranno interrotti i finanziamenti? L’Italia sarà commissariata e come sarà gestita? Ed ancora, l’Italia avrò ancora fiato per provare a risollevarsi?”.

 

L’attuale compagine governativa sarà in grado di portare avanti con celerità tutte le riforme e i provvedimenti a cui dovremmo rispondere?

 

 

 

“La risposta è semplice: che garanzia può dare l’esecutivo se in fase di negoziazione le due compagini governative non erano d’accordo su nulla? L’opposizione ha già gridato al ricatto da parte dell’Europa, e in effetti se qualcuno ti presta somme importanti è lecito chiedere garanzie nell’interesse di una casa comune che è l’Europa. Dov’è la strategia del rilancio industriale ed artigianale? Lo stato anche oggi fa la voce grossa coi deboli e la voce debole i coi forti.  Gli italiani sanno che alcune società che hanno beneficiato del decreto Rilancio Italia hanno sedi fiscali all’estero. Infine, non trascuriamo il piano per il terzo settore che tanta importanza ha per l’economia sociale del paese, piano di cui non vi è traccia”.

 

 

Cosa propone in sostanza RES e qual è la traccia da seguire?

 

“Il lavoro da farsi farebbe tremare le gambe ad un gigante. Il rischio che poteri forti si contrappongano a riforme che non piacciono è altissimo. Gli italiani, spesso, vengono confusi dalla controinformazione. Parafrasando le affermazioni del presidente Stefano Vergani <siamo come Borsellino e Falcone lasciati soli ed attaccati da coloro a cui diamo fastidio, ma ci dobbiamo difendere e dobbiamo contrattaccare>. Lo dobbiamo per i nostri parenti che hanno combattuto tanto, dalla guerra di unificazione alle due guerre mondiali…Nonni, papà e mamme che hanno sognato con il boom della ricostruzione e che dalla strage di Piazza Fontana del ’69 a quella di Bologna dell’80, si sono risvegliati con una nazione in mano ad una politica che ha ci ha portato alla situazione attuale”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*