Granato, PaP: “La nostra Campania è quella in cui l’acqua è pubblica”

campania

Cosa significhi aprire il rubinetto e non veder scendere nemmeno una goccia d’acqua lo può spiegare bene Rossella. Vive a Flumeri, in provincia di Avellino, e l’esasperazione per giornate a 40°C e senza acqua, con una figlia piccola, è palpabile. La si sente nelle parole, la si vede nello sguardo.

Altro Comune, stessa esasperazione, stessa rabbia. A San Bartolomeo, provincia di Benevento, non se la passano meglio. L’acqua non arriva dalle 22 alle 6 del mattino. A Reino, altro comune del Sannio, l’acqua potabile non è arrivata per giorni.

La musica non cambia nemmeno in provincia di Napoli. A Mugnano forniture idriche interrotte, guasti sospetti e cittadini allo stremo. Col sindaco Sarnataro (PD) che cerca addirittura di privatizzare il servizio idrico, sperando magari che il caldo e l’estate tolgano ai cittadini la forza e la voglia di protestare contro questo scempio.

E nel casertano, a Gricignano d’Aversa, si teme che la cessione del servizio idrico al Consorzio “Terra di Lavoro” possa far schizzare i costi in bolletta.


A esser identica non è solo l’esasperazione dei cittadini

Anche i “consigli” dei sindaci sono gli stessi. Chiudete i rubinetti, non sprecate l’acqua. A San Bartolomeo come a Mugnano. E come si fa a dar loro torto? L’acqua è preziosa e non va sprecata.
Ma non si può scaricare sui singoli cittadini la responsabilità di una crisi idrica che anno dopo anno si fa più grave.

 

C’è da una parte il prosciugamento di numerose sorgenti, a causa del cambiamento climatico (che non significa solo scioglimento dei ghiacciai o 30°C in Antartide, ma per l’appunto zero piogge qui da noi), ma anche delle captazioni – in molti casi illegali – di numerosi privati.

 

Dall’altra una rete idrica con più buchi dell’emmental

E anche qui c’è una “questione meridionale”, visto che i capoluoghi di provincia del Sud fanno registrare perdite pari al 45,7% del totale e, addirittura, i grandi comuni del Mezzogiorno raggiungono la vergognosa percentuale del 49,8%. Praticamente un litro su due si disperde e non arriva a destinazione. Così dilapidiamo una risorsa che è vitale più che preziosa. Al Nord le percentuali sono rispettivamente del 27,9% e del 28,4%.

Infine, grazie alla legge regionale 15 del 2 dicembre 2015, approvata all’inizio della legislatura De Luca, di fatto si lascia mano libera ai privati di gestire la fonte della nostra vita. Per assicurare che venga utilizzata non a fini di profitto, ma per preservare e promuovere la vita, dovremmo abrogarla (come chiederà un referendum cui stanno lavorando i comitati per l’acqua pubblica), e dare ascolto ai comitati per l’acqua nati in tutta la Campania, rispettando finalmente l’esito del referendum del 2011, quando 26 milioni di italiani e italiane, una cifra enorme, scegliemmo l’acqua pubblica.

Per De Luca & Co. l’unica parola che conta è la loro. Quella del popolo? Meno del due di picche. A noi costruire la Campania del futuro, quella in cui l’acqua è pubblica e le decisioni del popolo si rispettano.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*