Granato, PaP: “Sono con gli eroi, sono con gli OSS”

oss

Ieri pomeriggio ho incontrato alcuni “eroi”. OSS, Operatori Socio Sanitari, uomini e donne che durante le tragiche giornate della crisi Covid hanno lavorato per salvarci dal virus negli ospedali del nostro capoluogo. Spesso in condizioni difficilissime, tra tamponi negati, mascherine e DPI che mancavano.

Ma sapete qual è il bello? Che questi sono “eroi” – circa 200 – a scadenza. Il 31 dicembre termina l’appalto vinto dalla Gesco e rischiano di esser messi per strada. Perché così funziona: lavori per le ASL, ma formalmente sei dipendente di una cooperativa. I turni li organizza un responsabile dell’ASL, ma in bacheca non compare nemmeno il tuo nome. Troppa grazia. E così ritrovi un codice, con la disumanizzazione di questi lavoratori nel luogo dove più dovrebbe esser di casa l’umanità.

Alcuni di loro sono impiegati negli ospedali campani da oltre 10 anni, in alcuni casi da più di 20. Le cooperative passano, loro rimangono. Ma sempre precari.

 


Che classe dirigente è quella che un giorno ti celebra come “eroe” e quello successivo ti scarica come fossi “merce inservibile”?

 

Oggi questi OSS si stanno organizzando. E io sarò con loro. Per ottenere un atto di giustizia. Perché se vi chiedessi per chi lavorano realmente Massimo, Colomba, Walter, Agnese e gli altri, mi rispondereste anche voi coi nomi degli ospedali in cui li vedete da anni: Loreto Mare, Pellegrini, San Giovanni Bosco, San Paolo, ecc..

Serve un processo di internalizzazione e stabilizzazione che permetta anche a queste donne e a questi uomini di vedersi riconosciuta quella dignità e quel futuro che gli spettano. C’è carenza di personale nella sanità pubblica, ormai lo sappiamo tutti. Servono assunzioni e si deve partire da chi nei nostri ospedali lavora già da anni.

Se il Covid ci ha insegnato qualcosa è che dobbiamo aumentare e rafforzare gli anticorpi della nostra sanità. Queste donne e questi uomini sono parte del sistema immunitario collettivo. Vogliamo davvero siano trattati come pezze da piedi?

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*