Giuliano Granato, Pap: “Il ritorno delle barelle al Cardarelli”

cardarelli

Durante il lockdown le immagini dei Pronto Soccorso deserti sono state usate per teorizzare che noi campani vi ricorriamo in maniera inadeguata, per fare i furbi, per non pagare il ticket e non aspettare le liste d’attesa.

Pareva la dimostrazione che in fondo, i più, possono farne a meno. Allo stesso modo, oggi, le barelle ammassate al Cardarelli dimostrerebbero un ritorno alla “normalità” e, implicitamente, alle cattive abitudini.

Io conosco un’altra storia, la stessa che racconta l’articolo de La Repubblica, di tanti così terrorizzati dal contagio da Coronavirus, così consapevoli delle condizioni di rischio infettivo nei nostri ospedali, da aver rinunciato anche a cure salvavita.

 


Un caro prezzo

 

Conosco chi ha dovuto trascurare le proprie patologie croniche per mesi perché i servizi di cui aveva bisogno erano considerati “non essenziali” e oggi paga il prezzo di acutizzazioni che si potevano evitare.

Conosco Elisa che con un tumore alla tiroide non si è potuta operare. Secondo De Luca non era una prestazione abbastanza “urgente” in tempi di Covid. Conosco Mattia, che aveva un’importante visita di controllo fissata al Loreto Mare e aspettava da mesi che arrivasse l’appuntamento di inizio aprile. Non si è ritrovato più l’ospedale né un modo, un’indicazione per essere seguito altrove. Risultato? Solo da qualche giorno, a causa dell’infinito ritardo, è ricoverato all’Ospedale del Mare, dove lotta per la vita quando si sarebbe potuto prendere e affrontare per tempo il suo male.

“Normalità” per me significa non avere più paura di mettere piede in ospedale, significa non dover rinunciare ai propri diritti più fondamentali, primo fra tutti quello alla salute.

“Normalità” significa avere strutture in cui il rischio infettivo è sempre prossimo allo zero, con lavoratori tutelati e ben dotati di DPI.

“Normalità” sarebbe gioire di Pronto Soccorso semideserti perché si hanno una popolazione sana e servizi territoriali e di prevenzione finalmente efficienti.

Questa è la Campania che io voglio.
Questo è il futuro.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*