Giuliano Granato, PaP: “La sanità non è un bancomat”

sanità

Con la pandemia abbiamo “scoperto” che dobbiamo prenderci molta più cura della sanità pubblica. Abbiamo capito che austerità, tagli, chiusure di reparti e di ospedali, hanno debilitato il nostro servizio sanitario nazionale, lo hanno reso meno efficiente, con la conseguenza che siamo tutti più deboli. Che avere personale sanitario precario non è un problema solo dei lavoratori e delle lavoratrici del settore, ma di ogni cittadino, perché se si lavora in condizioni pessime ne va della qualità del servizio erogato a tutti noi.

Ecco: “tutti noi”. Mentre durante la pandemia “tutti noi” acquisivamo una nuova consapevolezza della centralità e dell’importanza della sanità pubblica, c’era chi continuava a seguire logiche vecchie e putride.

In questi giorni si affollano ombre sempre più nere sulla gestione della crisi Covid. La magistratura ha iscritto tra gli indagati sia Verdoliva, a capo dell’ASL NA1, che Cascone, consigliere regionale eletto nel 2015 a Salerno con la lista “De Luca Presidente”, che Cuccurullo, presidente di SoReSa; Fanpage.it e Report stanno facendo luce sui fiumi di denaro pubblico sprecati per i tre Covid Hospital modulari e sulla gestione degli appalti della SoReSa per le forniture degli ultimi mesi.

Sanità come un bancomat

Queste ombre ci raccontano di una sanità usata come bancomat dalla classe dirigente, come mangiatoia per la propria clientela, per dispensare favori che un domani potranno essere contraccambiati.


Non è racconto nuovo. Però è arrivato il momento di consegnarlo alla storia. Con il coronavirus tutti noi abbiamo maturato la volontà di cambiare rotta. Perché semmai arriverà un’altra pandemia dovrà trovarci più forti e preparati. E perché la salute è davvero il bene più prezioso.

Qui nella nostra Campania dobbiamo abbattere le infinite liste d’attesa, avere finalmente screening e campagne di prevenzione, riaprire i presidi sanitari che Caldoro e De Luca hanno chiuso, avere diagnostica strumentale e laboratoristica non più appannaggio dei soli privati.
Questa è la lingua del futuro.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*