Granato, PaP: “La Campania è il futuro perché esistono migliaia di Daniele e Bruna”

campania

Stasera voglio raccontarvi una storia. La storia di Bruna e Daniele, due lavoratori di un’azienda campana. Li ho incontrati oggi, in privato, lontani dai selfie e dal rumore mediatico.

Dopo quasi 10 anni di lavoro in un’azienda che macina decine di milioni all’anno, Bruna e Daniele hanno deciso che non potevano più accettare buste paga false, di ritirare lo stipendio e dover “restituire” una quota all’imprenditore, di vedersi conteggiate come ferie giornate lavorative regolarmente svolte, di non veder mai un euro di tredicesima e quattordicesima. Hanno deciso di alzare la testa e – udite udite – sono riusciti a ottenere il rispetto dei propri diritti.

Vessazioni cominciate…

Viviamo però in una terra in cui troppo spesso gli imprenditori proprio non riescono a tollerare che si rivendichino diritti anziché elemosinare qualche briciola. Il proprietario dell’azienda in cui lavorano Bruna e Daniele dev’essere uno di questi personaggi. E allora sono cominciate le vessazioni.

Daniele è stato spostato in un altro reparto, isolato dagli altri lavoratori, messo in condizioni di non “nuocere”. Perché se c’è un virus di cui alcuni imprenditori hanno più paura del Covid è quello dei diritti e della dignità. A Bruna, invece, è stata comminata una lettera di contestazione. Gli si vorrebbero addebitare fatti mai accaduti. Una lettera preparata ad arte per impaurire e arrivare a sanzionare Bruna.


Avreste dovuto vedere la faccia di Bruna quando mi raccontava della lettera di contestazione e con una meraviglia che racconta tanto della sua “pulizia” mi ha fatto: “ma davvero possono inventare così? Davvero possono punirmi per una cosa mai accaduta?”

Magari vi starete chiedendo cosa c’entra questa storia con le elezioni regionali di settembre.

C’entra molto

Perché racconta che esistono uomini e donne che non si arrendono, che alzano la testa, anche quando in molti consigliano di tenerla bassa e di subire in silenzio. Racconta dell’arroganza di troppi, che vorrebbero ancora un futuro dove in pochi hanno tutto e in molti abbiamo nulla.

Le voci di Bruna e Daniele sono le nostre, quelle che dobbiamo ascoltare, raccogliere, organizzare. Perché anche il più grande coraggio dinanzi all’isolamento lascia il passo alla paura. In tanti, invece, possiamo partire da quel coraggio e dalle nostre schiene dritte.

La Campania è il futuro perché esistono migliaia di Daniele e Bruna.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*