Siciliano: “La triste realtà del lavoro in Campania. Questa è dignità? “

campania

Oggi voglio scrivervi di una storia che sento spesso in questi giorni, camminando e parlando con le persone, ma ciò che mi ha raccontato Giusy mi ha colpito particolarmente perchè è una storia che si ripete da anni ma che non entra mai nel dibattito politico.
Uno dei problemi più gravi della nostra regione è quello del lavoro. Troppo spesso però ci si limita a dire che il problema è “la mancanza di lavoro”, dimenticando una parola… “Anche”.
Ieri ho conosciuto questa ragazza disoccupata, che poche settimane fa aveva iniziato a lavorare in un famoso ristorante qui vicino Caserta. Lei non è una vera è propria chef però pur di lavorare in questo momento estivo, si adatta a fare un pò di tutto, dalla cucina, al servire i tavoli come a pulire la sala.
I turni di lavoro sono a dir poco massacranti, tanto che in una settimana si trova a fare 10 turni, iniziando di giorno a pranzo e finendo direttamente verso le 2-3 del mattino dopo.
Per curiosità ieri le ho chiesto tra un discorso e l’altro, a quanto ammontava la sua paga per un lavoro del genere. Non ha saputo rispondermi, alcuni giorni 25 altri 30 euro dipende dalla giornata e se le ore da 10 passano a 13 la paga non cambia mai, nemmeno un piccolo aumento. Purtroppo la sua storia non mi ha stupito dato che anche io per pagarmi gli studi ho iniziato a lavorare nei vari locali già a 16 anni, però ho pensato tra me e me come non fosse cambiato nulla in questi 10 anni, se non in peggio…
Facendo qualche calcolo approssimativo con questa ragazza, abbiamo notato come venisse pagata a stento 2 euro all’ora…
Questo vale il lavoro, il tempo e il sudore impiegato di una ragazza.

Questa è dignità?

In Campania, come e più di altre parti d’Italia, il problema atavico è quello del lavoro molto più in generale; è un problema per chi non ce l’ha, perché manca, ed è anche un problema per chi ce l’ha, costretto troppe volte a sottostare a condizioni che non ne rispettano la dignità umana.
Che si chiami nero, full time con contratto part time, doppio turno e via discorrendo è solo una la parola che emerge: sfruttamento.
Lo sfruttamento ai danni dei più deboli perpetrato da “prenditori” troppo spesso “aiutati” dalle leggi funeste che negli ultimi 30 anni hanno indebolito lo Stato Sociale e hanno distrutto lo statuto dei diritti dei lavoratori.
Sfruttamento “avallato” dalla politica, dalle sue riforme e dal suo chiudere un occhio dinanzi a potenziali “grandi elettori” e portatori di interesse.
Questa è la “normalità”…
Pensavo mentre rientravo in macchina.
Ci si abitua alla normalità dettata dalla povertà, ci si abitua al non avere un contratto, a lavorare in nero, e anche i politici arrivano al punto di non conoscere le differenze tra sfruttati e sfruttatori. Nascondendosi il più delle volte al politicamente corretto, perchè fa più comodo strizzare l’occhio a un imprenditore che ti può garantire centinaia di voti in più, rispetto a un lavoratore invisibile.
Nel mio intervento di presentazione della lista, ho parlato dei giovani e della mancanza dei diritti sociali. Non dobbiamo mai dimenticarci degli ultimi. Denuciamo. Facciamolo per chi ogni giorno viene sfruttato da questo sistema, facciamolo per quelle persone che non credono più nella politica, per i giovani che sono andati al nord o all’estero per un futuro migliore e facciamolo anche per chi come Federico Del Prete e Antonio Esposito Ferraioli (sindacalisti ammazzati brutalmente dalla camorra e poche volte ricordati) hanno perso i loro affetti per opporsi a questo vergognoso sistema di sfruttamento.
Il coraggio di non voltarsi.
In un tempo in cui è più facile non fare che fare, far finta di non vedere che agire.
Non si può trasmettere la legalità se non la vivi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*