Granato, PaP: “Tu da che parte stai?”

granato

Ieri mattina ero in penisola sorrentina.
Come De Luca. Lui all’Hilton Sorrento, intervistato da Bruno Vespa e ospite di ALIS, associazione che riunisce 1.530 aziende della logistica e dei trasporti, alla presenza di FederAlberghi; io per incontrare un gruppo di lavoratori stagionali del turismo.
Sorrento e la penisola sono realtà ricche, in cui il turismo la fa da padrone. Centinaia di alberghi, attività ricettive e ristorazione. I proprietari detengono spesso più strutture, hanno patrimoni notevoli, conti in banca con parecchi zero…
Per i lavoratori, invece, tutta un’altra storia. Se già prima del coronavirus la norma era lavorare 8/9 ore al giorno quando il tuo contratto recitava 6 ore e 40 minuti, regalando l’extra all’albergatore di turno, con la scusa della pandemia la situazione è precipitata.
Così capita che al colloquio di lavoro ti propongano un contratto part-time con un monte ore settimanale che ha molto poco di part time. 40/45 ore a settimana vi sembrano un part-time? La paga quella sì, è da part time. E anche istituti come ferie, permessi, ecc., sono calcolati per metà.

Naspi

Che, se poi ti fanno contratti di un mese o due al massimo, anche la durata della NASPI (indennità di disoccupazione) si riduce; e ogni stagionale sa bene come nei mesi di magra diventi essenziale quell’entrata per tirare a campare fino al contratto successivo.
È il segreto di pulcinella che le cose in penisola sorrentina vadano così, tutti sanno, nessuno fa niente. Quasi nessuno a dire il vero. Qualcuno c’è. Un gruppo di lavoratori e lavoratrici ha deciso di dire “basta” e si è messo in testa che non si può più stare zitti e subire.
Perché è un’offesa alle nostre intelligenze dover sentire a un colloquio che “questo è quello che posso offrire”, mentre sulla scrivania appaiono magari le chiavi di uno yacht o di una Maserati.
Perché accettare oggi questo ulteriore peggioramento significa mettere un’ipoteca sul domani, visto che quel che è chiaro è che le condizioni emergenziali di oggi rischiano di diventare la nuova normalità.
Il futuro è negli occhi di queste lavoratrici e questi lavoratori, stanchi di essere invisibili e che vogliono conquistare migliori condizioni di lavoro e rispetto dei diritti, per non esser costretti a far le valigie e ad andar via.
I lavoratori stagionali della penisola sorrentina stanno iniziando a far cadere il muro della paura che finora li frenava. È dalla loro resistenza, dalla volontà di non rassegnarsi che nasce il futuro della Campania.
Tu da che parte stai?


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*