PaP, Granato: “Nella Campania di De Luca, il mare diventa un privilegio”

campania

Fine settimana spensierato. Questo è il programma. Direzione mare. Litorale flegreo? A leggere i giornali stamattina è stata mission impossible. Tra corse soppresse in Cumana, treni sovraffollati e ore di picco da girone dell’inferno dantesco, meglio forse dirigersi altrove.

Puntiamo alla penisola sorrentina. Altro treno, altra impresa. La Circumvesuviana è la peggior ferrovia d’Italia secondo il rapporto “Pendolaria” di Legambiente. La linea ultima in classifica è la Napoli – Sorrento. E, purtroppo, si vede. La prima sfida è mettersi a studiare una combinazione di orari di partenza e stazioni servite.
Il buon Umberto de Gregorio, amministratore della società regionale EAV e sodale di De Luca, ha pensato bene di presentare un piano valido per i weekend che manco Einstein si sarebbe saputo destreggiare.
L’ultima corsa valida se si vuole arrivare da Napoli a Sorrento è alle 9:09. Successivamente l’ultima stazione utile diventa Torre Annunziata. Ma solo fino alle 12:09. Perché da quest’ora e fino alle 15:39 la linea sparisce proprio. Ultima fermata Castellammare di Stabia.
E, non paghi, durante il cammino molte stazioni sono chiuse: ieri nel viaggio delle 9:09 ben 16 su 35 totali.

Ma non è finita qui

Immaginiamo di aver superato ogni ostacolo, e di voler scendere a Meta di Sorrento. Sorpresa: ad accoglierti alla stazione può capitarti la “fortuna” ci sia il sindaco in persona! Peccato non sia lì per darti il benvenuto ma per rimandarti indietro, coadiuvato da Guardia di Finanza, cani antidroga, vigili urbani. A meno che tu non abbia una seconda casa al mare o una bella prenotazione in uno di quei lidi i cui proprietari piangono dalla pagine dei giornali mentre continuano a pagare canoni irrisori, alzare i prezzi di lettini e ombrelloni, magari a sfruttare lavoratori a nero o a grigio. In questo caso un bel tappeto rosso e via. Quando si dice l’odore dei soldi…

E per chi questi soldi non li ha? Per chi non ha la fortuna di esser residente in un Comune bagnato dal mare? Ci sono pur sempre i centri commerciali, l’acquisto di un ventilatore, le case che si trasformano in saune…


Né treni, né mare

Questa è la Campania di De Luca, De Gregorio e dei sindaci sceriffi del West. Sicuri che non abbiamo diritto a meglio? La prima cosa da fare: investire sul trasporto pubblico collettivo e che almeno il 50% della costa torni a essere spiaggia libera.

La Campania è il futuro, se non la lasciamo preda di chi vuole solo speculare.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*