PaP: il modello campano delle spiagge andrebbe condannato per delitto ambientale

spiagge

“Le nostre coste sono state regalate ai privati, le spiagge pubbliche le devi cercare con la lente d’ingrandimento, i sindaci con la scusa del Covid e il benestare del Governatore De Luca non sanno più che tasse inventarsi per far pagare un euro in più pure per prendere il sole, l’EAV pensa bene di rendere una vera e propria impresa persino raggiungere le località balneari chiudendo le stazioni e tagliando i servizi. Il messaggio che passa è che se hai i soldi o una seconda casa al mare puoi goderti la spiaggia; per tutti gli altri l’unica strada è arrangiarsi con un ventilatore a casa o provare un viaggio della speranza. L’unica domanda possibile a fronte di questo scenario è chiedersi chi ci guadagna se la spiaggia diventa proprietà solo di qualcuno?”
@giulianogranato

 

COSA CHIEDIAMO

 

Che almeno il 50% della costa torni ad essere spiaggia libera. Rivendichiamo la difesa dell’accessibilità contro l’industria della speculazione. A tal proposito si rende necessaria la modifica della legge regionale che vincoli il Puad (Piano Utilizzo Aree Demaniali) ad un minimo del 50% di area costiera destinata a spiaggia libera affinché si giunga al raggiungimento di una proporzione adeguata tra le spiagge in concessione e quelle direttamente fruibili. In Campania solo il 30% del litorale non è sottoposto a gestione privata di stabilimenti o altra attività (art.3 del Puad).


La natura ha bisogno di una gestione corretta mentre al momento aumentano le concessioni e diminuiscono i tratti di spiaggia libera, si privatizzano il diritto alla bellezza e i profitti ma si socializzano perdite e costi derivanti dai danni ambientali. La Legge di bilancio 2019 aveva prorogato di 15 anni le concessioni, subito recepita dalla Regione Campania con la circolare n.15 dell’aprile 2019 della Direzione Generale delle Politiche Culturali e del Turismo.

Il TAR Campania, sezione di Salerno, con sentenza n.221/2020 smonta la proroga delle concessioni in merito ad un ricorso presentato nel Comune di Agropoli;

Che si pianifichi in modo urgente e concreto, attraverso lo stanziamento di fondi e l’individuazione di un arco di tempo limitato, un programma di interventi per liberare il mare dalle strutture e dai materiali inquinanti, attraverso un lavoro di risanamento e bonifica delle coste, di verifica dei permessi rilasciati ai privati, di contrasto agli abusi, potenziando gli organi di controllo preposti;

Che gli stabilimenti siano convertiti in strutture temporanee e non invasive, costruite con materiali naturali e dotate dei servizi minimi essenziali;

Che si prevedano passaggi e servizi per persone con difficoltà motoria: in Campania mancano percorsi e servizi pensati per chi ha problemi di mobilità. Avere una disabilità non significa essere condannato a non vedere più il mare, ma dovrebbe comportare una maggiore premura da parte dello Stato nel trovare soluzioni che risolvano le condizioni di esclusione piuttosto che amplificarle.

Vanno dunque previsti fondi per l’abbattimento delle barriere architettoniche e per la realizzazione di sentieri accessibili;

Che i lavori di pulizia delle spiagge e in generale qualunque azione di manutenzione o il transito stesso sui litorali, siano impediti ai mezzi meccanici responsabili della distruzione della biodiversità marina presente.
Non vogliamo mai più mezzi pesanti né sbancamenti;

Che le politiche ambientali regionali vengano decise attraverso la concertazione dell’ente con i comitati e le organizzazioni ambientali e i comitati di attivisti impegnati nella difesa della natura.

 

NÉ TRENI NÉ SPIAGGE: NELLA CAMPANIA DI DE LUCA IL MARE DIVENTA UN PRIVILEGIO DI POCHI

Fine settimana spensierato. Questo è il programma. Direzione mare. Litorale flegreo? A leggere i giornali stamattina è stata mission impossible. Tra corse soppresse in Cumana, treni sovraffollati e ore di picco da girone dell’inferno dantesco, meglio forse dirigersi altrove.

Puntiamo alla penisola sorrentina. Altro treno, altra impresa. La Circumvesuviana è la peggior ferrovia d’Italia secondo il rapporto “Pendolaria” di Legambiente. La linea ultima in classifica è la Napoli – Sorrento. E, purtroppo, si vede. La prima sfida è mettersi a studiare una combinazione di orari di partenza e stazioni servite.
Il buon Umberto de Gregorio, amministratore della società regionale EAV e sodale di De Luca, ha pensato bene di presentare un piano valido per i weekend che manco Einstein si sarebbe saputo destreggiare.
L’ultima corsa valida se si vuole arrivare da Napoli a Sorrento è alle 9:09. Successivamente l’ultima stazione utile diventa Torre Annunziata. Ma solo fino alle 12:09. Perché da quest’ora e fino alle 15:39 la linea sparisce proprio. Ultima fermata Castellammare di Stabia.
E, non paghi, durante il cammino molte stazioni sono chiuse: ieri nel viaggio delle 9:09 ben 16 su 35 totali.

Ma non è finita qui. Immaginiamo di aver superato ogni ostacolo, e di voler scendere a Meta di Sorrento. Sorpresa: ad accoglierti alla stazione può capitarti la “fortuna” ci sia il sindaco in persona! Peccato non sia lì per darti il benvenuto ma per rimandarti indietro, coadiuvato da Guardia di Finanza, cani antidroga, vigili urbani. A meno che tu non abbia una seconda casa al mare o una bella prenotazione in uno di quei lidi i cui proprietari piangono dalla pagine dei giornali mentre continuano a pagare canoni irrisori, alzare i prezzi di lettini e ombrelloni, magari a sfruttare lavoratori a nero o a grigio. In questo caso un bel tappeto rosso e via. Quando si dice l’odore dei soldi…

E per chi questi soldi non li ha? Per chi non ha la fortuna di esser residente in un Comune bagnato dal mare? Ci sono pur sempre i centri commerciali, l’acquisto di un ventilatore, le case che si trasformano in saune…

Né treni, né mare. Questa è la Campania di De Luca, De Gregorio e dei sindaci sceriffi del West. Sicuri che non abbiamo diritto a meglio? La prima cosa da fare: investire sul trasporto pubblico collettivo e che almeno il 50% della costa torni a essere spiaggia libera.

La Campania è il futuro, se non la lasciamo preda di chi vuole solo speculare.

Potere al Popolo

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*