Prinzi: “Alle Regionali saranno candidati con Potere al Popolo due fondatori del M5S campano”

prinzi

La bomba di oggi è che alle Regionali in Campania saranno candidati con Potere al Popolo due fondatori del Movimento 5 Stelle campano, animatori dei Meet up e dei movimenti ambientalisti, Clementina Sasso e Marco Manna.
Tanti articoli che stanno uscendo sottolineano che i due alle regionali nel 2015 avevano preso oltre 5000 preferenze, insistono sull’appoggio della senatrice Paola Nugnes e ipotizzano il coinvolgimento dell’elettorato pentastellato deluso, altri lanciano PaP come sorpresa di questa triste campagna elettorale che vede gli stessi candidati di 5 e 10 anni fa…

Per carità, queste cose son vere, hanno il loro peso. Ma a me quest’incontro fa pensare altro – scusate se ho la tendenza a sognare più che a far di conto…

Mi ha colpito come Clementina e Marco hanno motivato la scelta: “coinvolti dal senso di comunità che non avevamo più trovato da quando il movimento ha smesso di fare attivismo per concentrarsi sulla gestione del potere”.

E’ un grande complimento. Chi è stato all’Ex OPG Occupato – Je so’ pazzo lo sa: per noi la comunità è alla base. Se vogliamo creare un mondo migliore dobbiamo innanzitutto essere in grado di creare un ambiente migliore, combattendo l’egoismo, la prevaricazione, sviluppando cooperazione e solidarietà.


Questo ci ha spinto in 2 anni ad aprire 25 Case del Popolo, per abituare la nostra gente a organizzarsi insieme, diffondere buone pratiche, costruire da subito un nuovo modo di vivere e pensare. Credo che il Movimento 5 Stelle aveva molto di questo sogno, e hanno ragione Clementina e Marco quando scrivono: “abbiamo bisogno di utopie, di credere di poter cambiare la società nella quale viviamo”.

A noi piace esser pragmatici, vincere anche piccole battaglie, ma sappiamo che di pragmatismo si muore, diventa la scusa per ogni alleanza e sotterfugio. Bisogna invece essere pazzi!

E loro lo sono. In politica chiunque abbia un po’ di credibilità e di voti si fa i suoi conti, vede se gli conviene. Invece si sono buttati, perché hanno idee e valori e come noi pensavano che nessuno le avrebbe fatte sentire o contestato con forza il potere di De Luca.

Infine, credo che Potere al Popolo sia un bel progetto, non l’ennesimo partito ma uno strumento al servizio di chi vuole cambiare. E’ una realtà attiva e democratica, che ha appena lanciato la sua seconda campagna di adesione, che farà un percorso costitutivo trasparente, in cui si rinnoveranno Coordinamento Nazionale, portavoce, programma…

Certo, abbiamo dei difetti, la giovane età ci fa sbagliare, dobbiamo organizzarci meglio, parlare a tutti… Ma abbiamo l’umiltà per imparare e la determinazione per insistere (a sinistra si fanno e sfanno cartelli elettorali, non si dà mai continuità, manco alle cose buone).

Ecco, spero che dall’incontro con Clementina e Marco impareremo tante cose che hanno sperimentato nei 5 Stelle. Spero che ci insegnino a far arrivare quello che facciamo ovunque. Che la Campania diventi un laboratorio nazionale, in cui la parte migliore dell’attivismo civico si contamini con le lotte sociali, per costruire un progetto popolare credibile.

Per questo nelle nostre liste ci saranno tanti indipendenti, che vengono da associazioni e movimenti. Perché Potere al Popolo non guarda a quello che hai, soldi, potere o voti, alla tessera di partito o sindacato che porti, ma a quello che sei e fai. Perché Potere al Popolo non è il fine ma il mezzo!

Le nostre liste sono aperte perché l’unità la si fa dal basso. Il nostro programma lo scriviamo insieme. Vogliamo una campagna implacabile verso potenti e camorristi, ma anche ironica e coinvolgente, che sappia parlare di contenuti e far sognare… Venite a darci una mano, c’è un bel mondo qui!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*