PaP, solidarietà ai compagni di Civico liberato 7

pap

Questa mattina i nostri compagni hanno trovato questa scritta intimidatoria sulla porta del nostro spazio, la Casa del Popolo Civico7.

La Casa del Popolo Civico7 è un centro di attività culturale e politica attivo da diverso tempo al centro di Napoli, davanti al Museo Nazionale ed animato da vari gruppi della sinistra napoletana. Tutte realtà che incarnano a pieno l’ideale antifascista e non dimenticano mai di professarlo nel loro agire quotidiano.

È proprio per la loro natura antifascista che nella domenica del 21 giugno i compagni del Fronte della Gioventù Comunista sono andati a posare dei fiori davanti alla targa commemorativa di Iolanda Palladino, giovane napoletana che nella notte di 45 anni fa perse la vita per mano fascista, a pochi metri dalla sede dell’allora MSI.

Lo hanno fatto perché a distanza di 45 anni lungo via Foria, a pochi passi dalla nostra sede, nulla è cambiato: la Berta, ora in mano a Casapound, è ancora aperta in una città popolare come quella di Napoli.
Ricordare Iolanda Palladino è importantissimo perché crediamo che il fascismo non sia un’opinione e che non vada lasciato nessuno spazio in città al fascismo. A chi vorrebbe una società patriarcale, sovranista ed escludente, basata sulla famiglia tradizionale e sull’esclusione di tutte le persone che non rientrano in questi valori crediamo non va riconosciuta nessuna legittimità.
Per noi l’antifascismo è un’azione quotidiana che si pratica trasversalmente in ogni luogo.
Ci impegneremo sempre nel togliere l’agibilità sociale, politica e culturale che in città una realtà come Casapound vorrebbe prendersi per divulgare odio fascista.


Attraverso il nostro spazio ci impegniamo ogni giorno affinché si diffonda una cultura antifascista, partecipata, ampia e limpida, che permetta a tutti e a tutte di prendere una posizione netta e chiara contro ogni tentativo di legittimità fascista.

Non ci intimoriscono le vostre scritte sui muri e le intimidazioni verso chi vive il proprio territorio e si batte ogni giorno affinché tragedie come quelle che coinvolsero Iolanda non si ripetano mai più: continueremo a praticare l’antifascismo per strada, nei quartieri della città e nei luoghi di lavoro affinché le sedi e le idee fasciste non esistano mai più.

La Casa del Popolo Civico7 Liberato non si arresterà davanti a nessuna minaccia. Difenderemo con i denti il nostro spazio da qualsiasi tipo di attacco, impegnandoci nel farlo diventare un vero e proprio presidio antifascista in una zona difficile come è quella di piazza Cavour. Lo faremo continuando a lottare, come abbiamo sempre fatto, professando il nostro ideale antifascista.”

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*