PaP: “La spiaggia è un bene di tutti”

spiaggia

Questa volta siamo andati a Positano, ci sono quasi 30 gradi fuori e chi può è giusto che cerchi un po’ di respiro sulle nostre splendide spiagge per rilassarsi un po’.

Scopriamo che anche qui le direttive governative sono il pretesto per una “selezione all’ingresso” con un preciso costo economico, come se non bastasse già il prezzo di un parcheggio e di servizi da queste parti non proprio accessibile.

Purtroppo non c’è nessuna notizia di giovani ragazzi di Positano assunti utilizzando queste risorse né abbiamo alcuna garanzia che questi 10 euro chiesti ai non residenti possano essere davvero riutilizzati per risollevare la vita di cittadini colpiti da un Covid che ha messo in ginocchio chi ha sempre vissuto grazie al lavoro stagionale in questa zona.

Volevamo rilassarci un po’ senza essere costretti a chiedere un prestito in banca

Ci siamo ritrovati alla “selezione all’ingresso” in stile Billionaire.


Nessuno ha la forza e il coraggio di aprire una riflessione sul diritto al mare per tutti, sul diritto al lavoro di chi viene sfruttato da chi continua ad accumulare ricchezze qui.

Per stavolta dobbiamo rassegnarci, torniamo a fare la sauna in casa. Però ci rivediamo, con le nostre idee e il nostro servizio d’ordine che invece di chiudere apre spazi e diritti.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*