L’emergenza non è finita, la pazienza sì!

campania

Altro contagio, altra persona anziana a farne le spese.
Ad Ercolano, notizia di venerdì scorso, è stato riscontrato un nuovo caso di corona virus, una donna di 88 anni, anche lei tra i ricoverati presso la casa di riposo Villa delle Camelie, RSA della città degli scavi.

La vecchietta, asintomatica, positiva al test del tampone, proviene anche lei dal focolaio maggiore della cittadina vesuviana, infatti durante il lockdown proprio nella medesima residenza per anziani sono stati riscontrati altri 4 casi tra gli ospiti.

Al netto dei protocolli previsti dal caso, dei test effettuati sul personale e sulle persone collegate alla casa per persone di età avanzata…

IL CONTROLLO, I CONTROLLI DOV’ERANO E DOVE SONO?

Il sindaco, che si è limitato a darne l’annuncio via social ed assicurare la cittadinanza dell’attivazione delle procedure previste, ricordiamo che è maggior responsabile e garante della salute e della sicurezza dei cittadini residenti, insieme a prefetto, Regione Campania (presso la quale la RSA è accreditata) insieme ad Asl ed autorità sanitarie… Dov’erano e dove sono?


Ancora una volta a farne le spese, a pagare il prezzo più alto dell’emergenza sanitaria sono sempre i più deboli, nostra memoria storica ed anello da preservare, curare.

Pio albergo Trivulzio di Milano, per fare un esempio, così come case di cura- riposo od ospedali e cliniche private con posti RSA dell’Emilia Romagna, quelle coi dati di contagi e decessi più raccapriccianti sono stati tra i fallimenti più lampanti della gestione emergenziale COVID-19

L’assenza di un sistema effettivamente centrale e centralizzato della sanità pubblica oltreché dello scarso controllo e gestione sul sistema privato, soprattutto su quest’ultimo dei suoi privilegi e del modo in cui sfrutta ed ha sfruttato nel corso degli anni le necessità, il diritto inscindibile alla salute dei cittadini e più in particolare delle masse popolari, hanno consegnato a questo paese lo scenario apocalittico pre e post covid a cui assistiamo. Tutto questo costituisce il fallimento del sistema attuale e della classe politica e dirigente che lo ha legittimato in questi decenni

L’emergenza sanitaria che investe il nostro paese può essere risolta per mezzo di un solo obbiettivo… DIGNITÀ!
NON POSSIAMO PIÙ ASPETTARE, LA PAZIENZA HA UN LIMITE, LE NOSTRE VITE NON POSSONO ESSERE VISSUTE A QUESTO LIMITE
IL DIRITTO ALLA SALUTE NON PUÒ CHE ESSERE SALUTE E ALLA PREVENZIONE NON PUÒ CHE ESSERE RISOLTO PER MEZZO DI UN SEMPLICE PRINCIPIO:
“OGNUNO SECONDO LE SUE CAPACITÀ, A OGNUNO SECONDO I SUOI BISOGNI”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*