Frate: “Un onore incontrare il Presidente De Luca”

de luca

È stato per me un grande onore incontrare il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

In questi mesi la Campania ha affrontato l’emergenza sanitaria con lungimiranza e con sano pragmatismo, finanche anticipando le scelte del Governo. Il nostro sistema ospedaliero ha retto egregiamente e oggi viene implementato col potenziamento delle sale di rianimazione e delle terapie intensive.

Al di là di polemiche sterili e suggestioni vacue, questi sono dati oggettivi e niente affatto scontati, soprattutto se si considera che il divario di spesa sanitaria penalizza fortemente le regioni meridionali.

Sebbene il peggio sia alle spalle, il virus è ancora dietro l’angolo. Proprio per questo è indispensabile proseguire, nei prossimi mesi e nei prossimi anni, il lavoro fatto fino ad ora. Il modello campano ha funzionato, ha fatto notizia suscitando l’incredulità di chi vorrebbe la nostra terra inchiodata agli stereotipi e al malcostume, e credo che tutti noi dovremmo esserne fieri.


Purtroppo il coronavirus porterà con sé pesantissime conseguenze sul piano economico e sociale. I primi preoccupanti segnali che riguardano il turismo, le piccole e medie imprese, i professionisti cominciano a vedersi. E come sempre il Mezzogiorno è la parte del paese più esposta e vulnerabile. Occorreranno provvedimenti strutturali, non interventi timidi di mero contenimento.

La Regione Campania ha messo in campo consistenti misure socio-economiche con fondi propri, ma è evidente che senza un piano per il lavoro, per le imprese e per gli investimenti avremo la desertificazione economica e produttiva, con il rischio di consegnare large fette dei nostri territori all’illegalità diffusa e alla criminalità organizzata. Sarà compito del Governo mettere la Campania e il Sud al centro dell’agenda politica.

Su questi e altri temi il Presidente De Luca ha dato prova di essere un amministratore concreto, al netto di critiche costruite sull’acqua. E mi risulta difficile immaginare che l’alternativa politica a questa amministrazione passi per la strumentalizzazione di una festa di tifosi rispetto alla quale la Regione non aveva alcun potere di intervento.

Credo, e penso di non essere la sola, che la Campania abbia ancora bisogno nel prossimo quinquennio di scelte operative e non di annunci, di promesse ipotetiche o di fantasticherie strambe.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*