Il calcio a Napoli è solo calcio?

napoli

Il calcio a Napoli non è solo uno sport. Lo si capisce ogni volta che ci si ferma a parlarne.
Se ieri e oggi avete ascoltato un po’ di interviste ai tifosi riunitisi nelle strade subito dopo l’ultimo calcio di rigore, era evidente: la vittoria della Coppa Italia, a maggior ragione contro la Juventus di Sarri, è motivo di orgoglio che valica i confini dello “sportivo” e si fa totalizzante. “Un riscatto sociale”, la definisce addirittura qualcuno.

Non che manchino i motivi puramente calcistici, ma qui ogni vittoria, soprattutto di un trofeo, è la dimostrazione, dinanzi ai propri stessi occhi prima ancora che davanti a quelli degli altri, che il destino di sconfitta non è l’unica strada possibile.

Nei festeggiamenti c’è un senso di “riscatto sociale”, una sorta di catarsi collettiva che lascia sfogo alla frustrazione repressa per essere considerati spesso come cittadini di Serie B, pur sempre “terroni”.

Per questo Diego a Napoli non è solo il nome di un calciatore

Non è solo colui che ha portato gli scudetti, le coppe. Maradona assurge al ruolo di divinità perché permette il rovesciamento di quello che sembrava dover durare in eterno: la narrazione di un popolo sempre vittima e sempre oppresso, con un’anima nera sempre in primo piano; con l’intervento della divinità il destino cambia, si vince, ci si risveglia diversi, ci si scrolla di dosso un po’ di rassegnazione.


C’è una volontà di riscatto in tante donne e tanti uomini del nostro Sud. È chiaro che non può essere proiettata solo sul terreno di gioco, ma quella voglia e quell’entusiasmo di dimostrare a sé e agli altri il proprio valore dovrebbe sprizzare in ogni direzione. E, invece, quest’energia è troppo spesso umiliata, offesa, costretta ad andar via per potersi esprimere in tutto il proprio potenziale. Anche questo è un destino tutt’altro che inevitabile. Non basterà un cambio di modulo; in questo caso servirà cambiare proprietà e allenatore. Così da poter vedere un po’ di bel calcio e toglierci qualche soddisfazione, morale ma anche – e forse soprattutto – materiale.”

Giuliano Granato coordinamento nazionale Potere al Popolo

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*