Potere al Popolo, in Campania le crisi industriali nemmeno si contano

campania

“Oggi in Campania le crisi industriali nemmeno si contano. Da realtà grandi e importanti – vedi Whirlpool – a società più piccole e che difficilmente arrivano anche solo alla cronaca locale.

È il caso dei 38 lavoratori della Hexiss. 38 lavoratori che, in alcuni casi da 20 anni, svolgono mansioni di vigilanza e antincendio presso cantieri dell’ENEL. Il 30 giugno scade la commessa e si aprono le porte della disoccupazione o di contratti e impieghi peggiorativi. ENEL se ne lava per ora le mani perché il sistema di appalti e subappalti che è stato messo in piedi negli ultimi decenni ha proprio la funzione di rendere più facili queste operazioni, scaricando interamente su lavoratori e lavoratrici il peso di “ristrutturazioni” e operazioni aziendali.

Lo stesso sistema di esternalizzazioni, appalti e sub-appalti, regna all’interno dell’aeroporto di Napoli Capodichino, il primo a essere privatizzato nei “ruggenti” anni ‘90, gli anni delle privatizzazioni selvagge di cui si vantava il “sinistro” D’Alema. Una società di gestione controllata da un fondo di investimento, partecipazioni pubbliche, appalti per handling, manutenzioni, servizi di pulizia, ecc.. 30 anni dopo la fragilità di un tale sistema – per i lavoratori e le lavoratrici! – viene alla luce in maniera feroce. GESAC, la società che gestisce lo scalo, non vuole rinnovare gli appalti, non sa dire se e quando i 400 stagionali rientreranno a lavoro. Il coronavirus è occasione da cogliere al volo per tagliare sul costo del lavoro e disfarsi di lavoratori considerati come “fardello”. Poi magari qualcuno sarà anche ripreso, ma, senza lotta, avverrà molto probabilmente a condizioni peggiorative.

Esternalizzazioni, appalti e sub-appalti, sono anche quelli della sanità

Per 3 mesi abbiamo applaudito dai balconi, i politici li hanno chiamati “eroi”, eppure non è prevista internalizzazione e/o stabilizzazione di tanti, troppi operatori socio-sanitari, infermieri, addette alla pulizia, ecc.. Le stesse assunzioni che hanno avuto luogo in questi mesi sono in gran parte iper-precarie: su circa 26.000, più della metà sono a brevissima scadenza, solo 5.000 a tempo indeterminato. Gli “eroi” e le “eroine” non hanno diritto nemmeno a uno straccio di contratto a tempo indeterminato?


Ho parlato con tante lavoratrici e tanti lavoratori in questi mesi. In molti è maturata la coscienza che il mondo di prima era profondamente sbagliato. La “normalità” di cui dall’alto si invoca il ritorno è una trappola. È una sorta di “meno peggio” che dovremmo accettare in nome della paura dell’oggi e del domani. È, però, una storia già scritta. La fine sappiamo già quale sarà, perché proprio il coronavirus ce l’ha mostrato a cosa portano i cedimenti progressivi alla classe imprenditoriale di questo paese: povertà, disoccupazione, precarietà.

Serve andare alle radici dei problemi, mettere in discussione tutto, osare mettersi in discussione, osare cambiare. Si potrebbe cominciare da internalizzare nel pubblico, nella scuola come nella sanità come negli enti pubblici e nei ministeri. Mettere uno stop alle catene di appalti e subappalti, utilizzare i soldi che arriveranno per rafforzare il ruolo del “pubblico” e per creare impieghi utili alla collettività e non al profitto di pochi.

Se le formule del passato non hanno funzionato per la nostra gente, perché dovremmo accettare di ripeterle all’infinito?”

Giuliano Granato coordinamento nazionale Potere al Popolo

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*