C’è Ponte e… “stretto”. Giura!

In occasione di tornate elettorali o di crisi economiche, o…pandemiche sorge o ri-sorge, come l’araba fenice, l’idea del ponte sullo stretto di Messina, in concomitanza di una rete ferroviaria che al Sud attende…l’altra (per lo meno!) non l’alta velocità (quella si farà forse tra qualche decennio) od ancora a Matera già capitale della cultura, priva di un degno…binario ferroviario…

Ci piace parlare invece di cose concrete, una di queste è la costruzione di un ponte vero che resta ancora oggi come esempio di costruzione ingegneristica tutta napolitana, ovvero il Ponte “Real Ferdinando”, sul Garigliano,  secondo ponte sospeso d’Europa (1832), nonché primo ponte sospeso nell’Europa continentale, progettato e realizzato da Luigi Giura (Maschito, 14 ottobre 1795 – Napoli, 1º ottobre 1864), ingegnere, architetto ed ispettore del Corpo Ponti e Strade del Regno delle Due Sicilie.

Un Ponte, per sempre.

Il Ponte sul Garigliano è uno dei tanti esempi concreti di contro-storia italiana, ovvero di contro- narrazione rispetto agli stantii cliché, quelli che si trascinano appunto stancamente da centosessant’anni per  cui tutto ciò che è retrogrado, inefficiente o…peggio è semplicemente “borbonico”e “borbonico ne è la loro caratterizzazione.

Il Ponte, quello fantasma per davvero, sullo stretto, invece è l’evidente dimostrazione di quanto sia concretamente necessario e quanto invece no, al netto di chiacchiere e di interessi delle solite aziende tosco-padane che anche in epoca di covid, purtroppo l’hanno fatta da…padrone…


Ritorniamo al nostro Ponte, quello vero, il cui progetto-come sempre-denigrato dagli inglesi ed invece, ancora lì, nonostante sarà poi fatto saltare, nel camminamento,  dai nazisti in ritirata: “…quattro colonne isolate di architettura egiziana ciascuna 28 palmi 1 Palmo= 26,5 centimetri) nell’altezza, e 10 nel diametro, s’innalzano sul fiume, due sulla sponda destra, e due a rincontro sulla sinistra, adagiansi tutte solidissimamente sopra dadi massicci di fabbrica per vaga maniera rivestiti con pietra ad intaglio; e sorreggono quattro catene di ferro in due piani verticali e paralleli disposte”, come si legge nel “POLIORAMA PITTORESCO” dell’Agosto del 1836.

Un ponte, una struttura magnificamente…vera (!) che abbiamo avuto la fortuna di visitare accompagnati dai valorosi associati del Comitato Giura, che si occupa con merito di darne evidenza, cura e divulgazione quanto a storia e perfezione ingegneristica ed al Comitato va tutto il nostro sentito grazie per l’amore e la competenza profusi!

Un Ponte che parla Napolitano.

Si diceva dei soliti inglesi (i padri della patria, quelli veri….giusto per rimanere in tema di verità…) che mantenendo fede alla loro tradizionale filippica anti-borbonica, lamentavano (augurandosi) pubblicamente sicure sciagure rispetto alla realizzazione del nostro ponte, in concomitanza di crolli (ancora una volta, quelli veri!) come quelli del ponte sospeso in ferro progettato e realizzato da Claude Louis Navier, a Parigi e di chiusure (vere, ancora) dei loro di ponti quale quello di Driburgh sul Tweed.

A queste ciucciuvettole rispose con pronta e salda convinzione il re Ferdindando II di Borbone con il suo storico ed icastico “lassate fà o’ ‘uaglione! esprimendo totale fiducia nel nostro Giura e nella piena e con buon esito finalizzazione. E accussì jette (così andò). Nonostante gli “jettatori” di Sua Maestà britannica….Quando si dice la prontezza e l’esausistività della nostra bella “lengua napulitana”!

Fu così allora che il nostro Giura ebbe totale soddisfazione (lui sì!): il 10 Maggio del 1832  Ferdinando II,  si piazzava a cavallo, al centro del ponte danto ordine ai suoi uomini al trotto, al galoppo e poi alla carica e di far attraversare il ponte stesso da carri pesanti di artiglieria colmi all’inverosimile di materiali e munizioni: ‘o ponte nun se muvette ‘e ‘nu parmo (il ponte non si mosse di un centimetro). Con quale piacere… possiamo ben immaginare dei nostri simpatici “amici” inglesi….

Curiosamente ad un occhio ben attento in qualcosina di quello che poi sarà il ponte di Brooklyn ci pare d’intravedere la genialità del Giura…ma queste….”fantasie”…(o meno…) le lasciamo ai nostri lettori….

Eccellenza tra eccellenze  borboniche…

Oggidì, mentre di quello dello stretto non c’è ancora traccia, se non nelle fantasie di qualcuno, ‘o ponte, quello vero e borbonico…di Giura resta un un successo ingegneristico e viene  studiato come eccellenza ma ciò ci fa anche ricordare che quella splendida struttura potè essere realizzata grazie ad un’altra di eccellenza, industriale, del periodo borbonico, rappresentata dal complesso delle ferriere di Mongiana, in Calabria, proprio quella che in pieno 2020 è la regione tuttora più povera d’Italia (e non solo) ma che all’epoca ne era una delle più industrializzata.

Fu proprio alle fonderie di Mongiana che il nostro Giura  ordinò infatti le  maglie metalliche nichelate ch’egli stesso sottopose a stesura grazie alla sua nuova macchina “astatesa”: le travi furono così irrigidite meccanicamente con trafilamento, assicurando  all’intera struttura stabilità a prova di ….”seccie“. Quando si dice “arretratezza borbonica!”

In conclusione, mentre il ponte, quello futuribile, sullo stretto… rimane nelle fantasie…interessate ….di qualcuno, il ponte meraviglia, quello vero, tutto napolitano, invece e quasi con un beffardo sorrisino, sta ancora lla, e chi scrive ve lo….Giura! Jatavello a vvedé! Andate ad ammirarlo!

 

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Massimiliano Verde 7 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*