I problemi della sanità campana attraverso la testimonianza di chi la affronta in prima linea

sanità

In Campania la situazione è abbastanza drammatica. La regione sconta un debito in 10 anni di circa 10 miliardi di euro sulla sanità e se pensiamo al piano pandemia, un piano che l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva previsto per affrontare eventuali emergenze, l’ultimo piano pandemia della regione Campania risale all’anno 2006 per cui le responsabilità dei governi regionali sono notevoli e certo non possono essere risolte con uscite pro forma che richiamano all’ordine pubblico senza capire quali sono le responsabilità dei governi regionali.

Carenza strutturale

In Campania da punto un punto di vista strutturale esistono circa 420 posti di terapia intensiva e riabilitazione, ben pochi se consideriamo una regione di 5 milioni e più di abitanti. Io, lavorando in questo settore, vi dico che questi 420 posti di fatto non sono del tutto operativi perché la carenza strutturale di personale medico e infermieristico è notevole. Quando infatti si parla di ampliamento dei posti di terapia intensiva in regione – penso a quello che si sta facendo all’Ospedale del Mare – tenete conto che molto di quello che viene venduto sui media come azioni governative per combattere il Covid, non hanno un corrispettivo nel personale che dovrà gestire questi posti letto di terapia intensiva, per cui la situazione resta più drammatica di quello che si ritiene. Consideriamo soprattutto che sia a livello nazionale che locale, ad esempio in regione Campania, la disponibilità di Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), di tute e mascherine è scadente, è arrivata in ritardo e ha condizionato sin dall’inizio tutti gli operatori sanitari che si sono esposti – penso anche ai medici di famiglia – ad un rischio particolarmente elevato – parliamo di una patologia altamente infettiva e contagiosa – e quindi abbiamo lavorato con dei dispositivi che in una buona parte dei casi non erano a norma, oppure non erano sufficienti.

Esposti a rischio

Parlando della mia esperienza personale in un ospedale del sud, posso dire che abbiamo avuto da poco i dispositivi, non abbiamo le tute adatte per il rischio biologico, non abbiamo i presidi che ci consentono di lavorare in sicurezza.
Anche tutto quello che vedete tramite i media in televisione, spesso non corrisponde al vero, nel senso che non è importante quanto la regione o lo Stato conceda i DPI ma se questi DPI sono effettivamente adatti a lavorare in un ambiente a rischio biologico. Spesso ci siamo trovati a lavorare con tute da imbianchino, con tute adatte ad altri tipi di categorie lavorative ma che di fatto non proteggono e non hanno mai protetto dal rischio biologico. I DPI sono successivamente arrivati in misura ridotta e dopo aver fatto in modo che il personale si fosse sostanzialmente esposto al rischio, tanto è vero che oggi la gran parte del contagio è presente al livello dei presidi ospedalieri o anche delle residenze sanitarie per anziani.

Ritornando alla Campania c’è da dire che la gestione è stata quanto mai pressappochista

Gli ospedali diventati ospedali-Covid da un giorno all’altro e a cui sono stati dati posti di rianimazione, erano ospedali che non avevano mai avuto questo ruolo: pur di accaparrare consenso si è dato atto ad un meccanismo di investitura di ospedali-Covid quando magari non c’erano i requisiti tecnico-strutturali per poterlo fare.
Penso alle difficoltà in Campania delle tende del triage che sono state impiantate dalla protezione civile e che dovevano essere impiantate prima, per evitare di intasare i pronto soccorso, costituendo tende filtro per i pazienti sospetti Covid. Si tratta di strutture di emergenza che in alcuni ospedali, come al San Giovanni Bosco, all’Ospedale del Mare, al San Gennaro, sono costituite da tende sgonfie e non sistemate nei posti giusti per essere adoperate nel miglior modo possibile. Esiste tutta una serie di problemi per cui chi vive la realtà da vicino nota una certa discrepanza tra quello che viene detto e quella che è la condizione di lavoro degli operatori sanitari.
Penso anche a tutto lo spreco di risorse in regione Campania. Come per esempio all’ospedale di Amalfi, ospedale costruito tanti anni fa e mai entrato in funzione che tuttora ha a disposizione attacchi per l’ossigeno e potrebbe essere utilizzato per pazienti Covid, così come penso all’Ascalesi, al San Gennaro, ospedali che sono stati abbandonati ma che potrebbero essere rivalorizzati perché già presentano in sé le caratteristiche per poter essere utilizzati in questa emergenza.


Sanità smantellata

Il contesto su cui ci muoviamo è quello di una sanità pubblica sostanzialmente smantellata, una regione Campania che paga anni e anni di malgoverno, di mancanza di una visione e di un investimento reale in termini di medicina del territorio, posti letto e gestione di piani di rischio e previsione delle catastrofi che possono presentarsi. È un sistema impreparato che negli ultimi anni ha fatto della sanità privata il centro dell’azione politica sanitaria a scapito del pubblico che si è trovato ad affrontare una situazione di emergenza con poche armi. Certamente l’emergenza Covid è un’emergenza grossa e inaspettata ma sicuramente le politiche sanitarie hanno contribuito a poterla affrontare nel peggiore modo possibile.
La mia esperienza è quella di anestesista, quindi ho vissuto a contatto con i pazienti e posso dirvi che effettivamente le condizioni di lavoro sono dure, si lavora con l’ansia, con la preoccupazione di potersi ammalare, di poter contagiare i propri cari, perché le condizioni di lavoro o le strutture non sono sempre le più idonee . Tutto questo avviene in un contesto dove la distruzione della sanità pubblica, la carenza di medici o infermieri, e la mancanza dei corsi di formazione che le aziende sanitarie avrebbero dovuto garantire al personale, ha contribuito all’aumento del rischio dei lavoratori, alla cattiva gestione e all’aumento dei contagi soprattutto in alcune realtà.

Nello Acampora, medico ospedaliero, anestesista – relazione presentata in occasione del dibattito “Coronavirus: Sanità, Territorio, Società. Alcuni aspetti della crisi” organizzato dalla Federazione del Partito della Rifondazione Comunista di Napoli. Trascrizione a cura di Paolo Esposito Mocerino.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*