De Magistris: “Il pericolo del contagio criminale non è una priorità del governo”

de magistris

Non mi pare che il pericolo del contagio criminale venga colto come priorità. Non mi è parso di avvertire negli atti e nelle parole da parte di esponenti del Governo, ma anche delle Regioni, il pericolo concreto, a mio avviso la certezza, che sia in atto un contagio criminale. La lentezza con cui si è proceduto contrastano con la straordinaria rapidità, con l’efficacia, l’assenza di burocrazia, la grande liquidità e la conoscenza del territorio che hanno le associazioni criminali da Palermo a Milano, da Reggio Calabria a Torino, passando per Napoli, Roma, Firenze e Bologna. Non è un tema meridionale.

Le #mafie vivono di consenso, e in questo momento fiutano che possono riacquistare un consenso perso: andando dal cittadino bisognoso con le modalità dell’usura, andando dal commerciante e dall’imprenditore che dopodomani proverà ad alzare la saracinesca e troverà che ha una pesantezza economica che non aveva mai avuto. Le mafie si presentano con il volto buono ma in realtà diabolico di chi ha risorse. Il timore è l’acquisizione del consenso anche attraverso la riproposizione sui territori desertificati,
attraverso piazze di spaccio, controllo del territorio, stese, estorsioni, di fronte a un Paese che arretra in cultura. La desertificazione del territorio diventa terra di conquista.

Tutte quelle persone che in questi anni, con la rinascita culturale, turistica ed economica della città, avevamo portato attraverso quella linea di confine verso la legalità, ora stanno lì con il rischio della mano tesa del crimine che può riportarli dove c’è il guadagno facile dello spaccio e di altre attività criminali.

Tra Stato e mafie è una maratona, ma i primi 100 metri sono importanti perché danno subito contezza a chi vede e ascolta dove si vuole andare. Se gli altri iniziano a correre e tu no, rischi di dover inseguire.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*