Covid, il Sud non si tocca!

L’emergenza Covid-19 in Italia ha scombussolato per alcuni (non per chi è più attento al racconto della realtà o più onesto intellettualmente) vecchie e cristallizzate certezze: la superiorità o l’efficienza di ogni tipo e grado del Nord dello Stivale.

Il forsennato tentativo mediatico di infangare i territori e le popolazioni al di qua del Tronto o più semplicemente di deviare l’attenzione circa le responsabilità gestionali quanto alla crisi Covid delle regioni “locomotive” d’Italia e nazionali…non ci ha fatto distrarre circa problematiche tuttora in essere.

Mentre in altri paesi (Spagna o Francia ad esempio) la chiusura e la riapertura delle attività ha seguìto com’è logico e naturale che fosse la situazione di contagio, nell’Italia a trazione (per dove?) nord-centrica, tra lanciafiamme e presunti provincialismi scientifici…non è andata affatto così e pertanto, in costanza di almeno un 40% se non addirittura 60% delle attività economiche mai fermatisi al Nord, si è imposta di converso la chiusura alle regioni del cosiddetto Sud, a prescindere….come avrebbe detto il Principe De Curtis.


Così, tra misure governative promesse (che saranno rese più spedite…attendendo atti di amore bancari…), ospedali fieristici fantasma, incendi al palazzo di giustizia di Milano, inchieste sulle case di cura padane, ventilate attitudini a rimboccarsi le maniche emiliano-romagnole, spuntavano bozze di “congelamenti” di risorse e di possibili trasferimenti di altre.

Fondi di coesione, 34%, altro scippo?

In principio fu la bozza governativa che prevederebbe la sospensione della regola del 34 per cento (regola tra l’altro mai applicata) che destina al Sud una percentuale della spesa pubblica pari alla sua popolazione, in mancanza della cui, già ad oggi il Sud ha perso in soli 17 anni 840 miliardi (Eurispes).

Al momento, inoltre e nonostante le rassicurazioni del Ministro del Sud (non si hanno notizie in altri paesi,cosiddetti civilizzati, di codesto tipo di espressione governativa) la bozza che sospende una norma rispettosa dell’art.3 della Costituzione, come si ripete, norma di civiltà mai entrata in vigore (!) sta sempe lla.

È anche doveroso aggiungere che, quando sentiamo parlare di Cassa Depositi e Prestiti come agente diretto o indiretto di finanziamento a favore della “ripresa” occorre sempre sottolineare che la medesima Cassa può contare sulla raccolta dei risparmi postali (e non) che nella stragrande maggioranza è in capo ai cosidetti meridionali….

In merito ai fondi di coesione invece, la programmazione delle risorse del ciclo 2014-2020 di cui al Documento della Camera dei Deputati  del 30 Marzo 2020 ci rammenta che il FSC, ovvero proprio il Fondo per lo sviluppo e la coesione è congiuntamente ai Fondi strutturali europei, lo strumento finanziario principale attraverso cui vengono attuate le politiche per lo sviluppo della coesione economica, sociale e territoriale e la rimozione degli squilibri economici e sociali in attuazione dell’articolo 119, comma 5, della Costituzione italiana e dell’articolo 174 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

Ora, per la programmazione delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione del ciclo 2014-2020, la disciplina introdotta dall’art. 1, commi 703-706, della legge n. 190/2014  riserva l’impiego delle risorse del FSC per un importo non inferiore all’80 per cento per interventi nelle regioni del Sud.

Risorse tra le cui ci sono anche quelle che in molti casi sono ferme perché lo Stato non ha mai provveduto ad erogare le sue di risorse finanziarie aggiuntive nazionali, destinate a quelle finalità di riequilibrio economico e sociale, nonché a incentivi e investimenti pubblici.

C’è inoltre un grosso ma. Si tratta di quanto contenuto in due successivi testi, normativi e di programmazione delle risorse, davvero rilevanti che, ad un’accurata lettura pongono seri dubbi sulla realizzazione di quei buoni propositi testé accennati e che invece, potrebbero costituire l’ennesima mazzata per le regioni economicamente e socialmente più deboli, ovvero quelle centro-meridionali.

Potrebbe (purtroppo il condizionale non è obbligo, questa volta) verificarsi l’ennesimo scippo verso il Sud, nonostante l’area più depressa in Europa abbia mostrato di essere stata la più “ligia al dovere” in epoca di pandemia….

Scomparso dall’orizzonte il cosiddetto Piano per il Sud (i soliti 100 miliardi promessi nell’ultimo ventennio…) ci preoccupano in particolare due documenti che il nostro Governo ha sbandierato come quelli del rilancio e della ripresa (per chi?) che potrebbero essere forieri dei peggiori auspici per il Mezzogiorno, il DEF ed il Dl Rilancio (ancòra, per chi?).

DEF e DL Rilancio (del solito Nord?)

Il DEF, Documento di Economia e Finanza, 2020, presentato dal Presidente Conte e dal Ministro Gualtieri il 24 Aprile del 2020 e dato alla pubblica mediaticità, il 25  (viva la libertà e la coesione nazionale!), secondo quanto scrive lo stesso Gualtieri, ci rassicura sul fatto che “verranno sicuramente tempi migliori e l’Italia dovrà allora cogliere appieno le opportunità della ripresa mondiale con tutta la maturità, coesione, generosità e inventiva“…..

Scorrendo però a pagina 7 dello stesso Documento tale auspicio assume, per noi “meridionali” delle tinte un pò più fosche poiché ci è dato trovare infatti una “parulella” che da anni viene propinata come un “must” ovvero, flessibilità e, mai come in questo caso ci appare davvero come un’ombra, perché essa è posta in relazione proprio all’utilizzo dei fondi strutturali e va ad aggiungersi alla possibilità di trasferire risorse tra i tre fondi della politica di coesione – Sviluppo regionale, Sociale e quello di Coesione – e tra le diverse categorie di regioni.

In sostanza si paventa un travaso di risorse di danaro tra regioni e opzioni di spesa…..”piglia ‘a cca e mmiette ‘a lla“…Proprio ciò che potrebbe tradursi nell’ennesima distrazione pe mmano ‘e legge….

Non finisce qui perché il DL Rilancio mètte ‘a coppa, all’art.231 quanto all’ utilizzo del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il contrasto all’emergenza Covid-19.

In questo caso ciò che ci fa temere è l’aggettivo indefinito “ógni”, in quanto come si legge testualmente nel suddetto decreto legge: “a decorrere dal 1° febbraio 2020 e per gli anni 2020 e 2021, le risorse Fondo Sviluppo e coesione rinvenienti dai cicli programmatori 2000-2006, 2007-2013 e 2014-2020 possono essere in via eccezionale destinate ad ogni tipologia di intervento a carattere nazionale, regionale o locale connessa a fronteggiare l’emergenza sanitaria, economica e sociale conseguente alla pandemia da Covid-19”.

N’ata vota, sentìmmo fiéto ‘e cravone!

Esagerati, mal pensanti? Ce lo auguriamo di tutto cuore! Ma abbiamo alle spalle circa un secolo e tre quarti in cui queste “possibilità” o casi “eccezionali” si sono puntualmente e precisamente concretizzati.

E perciò lanciamo l’allarme, rosso fuoco…Perché non ci possiamo permettere alcun calo di attenzione, non ora e lanciamo un appello in primis ai governatori delle regioni del Centro-Sud che tanto bene hanno gestito l’emergenza finora, a tutti indistintamente i cittadini di queste regioni, perché “mo” ce n’è un’altra ancora più grande se possibile di emergenza, quella che potrebbe dare una mazzata finale ai nostri territori e a noi tutti.

Bbuone sì, fésse…assolutamente no!

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Massimiliano Verde 7 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*