De Luca regala soldi alla sanità privata

de luca

È da un mese che denunciamo questa vergogna, adesso finalmente la Corte dei Conti indaga sull’accordo Regione – cliniche private.

“10 pazienti ricoverati per l’emergenza Covid sarebbero costati alla Regione 3,3 milioni di euro!”

La Regione Campania ha pagato alle cliniche private “700 euro per ogni giornata di degenza in terapia sub intensiva e 1200 per la terapia intensiva”, in poche parole si è approfittato dell’emergenza per regalare soldi alla sanità privata!

Si dirà che mancano i posti letto, certamente, ma questa carenza in Campania non nasce con l’emergenza Covid: è il prodotto dei tagli che, anche durante gli ultimi 5 anni di governo De Luca, hanno fatto letteralmente a pezzi il nostro servizio pubblico!
Solo per la città di Napoli, negli ultimi 10 anni, sono stati tagliati circa 400 posti e chiusi 4 ospedali!


CREDETE SIA FINITA QUI?
C’È LO SCANDALO DEI LABORATORI PRIVATI!

I laboratori privati di analisi, grazie alla Regione, stanno conquistando monopolio sull’intero comparto della diagnostica ospedaliera.
Basti pensare che Federlab, l’associazione che riunisce tutti gli imprenditori della Diagnostica di Laboratorio privata in Italia, conta 2.000 strutture sul territorio nazionale: di queste ben 700 – più di un terzo – nella sola Campania!

ORA BASTA. COSA VOGLIAMO

Vogliamo l’immediata interruzione dell’accordo fra Regione Campania e cliniche private locali per i 3000 posti letto aggiuntivi, la requisizione dei ventilatori e di tutte le apparecchiature di rianimazione e terapia intensiva, l’allestimento immediato di questi posti letto all’interno della rete ospedaliera pubblica della nostra regione;

Vogliamo una pronta verifica dell’agibilità e della messa in funzione degli ospedali pubblici abbandonati o riconvertiti sull’intero territorio regionale, per un loro eventuale pronto utilizzo, in alternativa all’allestimento dei tre ospedali da campo già annunciati dalla Regione Campania nei territori di Napoli, Salerno, Caserta.

Vogliamo la precettazione degli operatori sanitari del privato convenzionato e la riorganizzazione di una pianta organica nel servizio pubblico con contratti di dipendenza diretta per i lavoratori attualmente “esternalizzati” (118, cooperative di pulizie, ecc) e pari garanzie lavorative, pari tutele per tutte e tutti; vogliamo che a tutti i lavoratori contagiati sia garantito accesso immediato al proprio diritto alla malattia e all’isolamento domiciliare e a tutti i dipendenti di poter fruire di una riduzione delle misure di restrizione alla libertà di movimento e della sospensione dei vincoli di fedeltà aziendale;

Vogliamo un’immediata verifica dei protocolli di prevenzione del contagio ospedale per ospedale, con una messa a verifica dell’adeguata fornitura di DPI e dell’operato delle Direzioni Sanitarie di ciascun nosocomio implicato e delle strutture residenziali e semiresidenziali che insistono sul territorio campano; vogliamo la rimozione o il commissariamento delle figure responsabili di franche inadempienze. Vogliamo l’avvio immediato di percorsi di formazione per un corretto uso dei DPI per tutto il personale socio-sanitario e programmi adeguati per l’assistenza e la prevenzione del contagio volto a tutelare le fasce di popolazione più fragili (anziani, portatori di polipatologie, migranti, senza fissa dimora);

Vogliamo una riorganizzazione immediata della rete territoriale, con il coinvolgimento dei Medici di Medicina Generale nella gestione della diagnostica precoce e dell’assistenza domiciliare dei pazienti positivi al coronavirus, la mappatura dei contatti e degli isolamenti domiciliari e la pronta disponibilità di DPI e terapie farmacologiche per il supporto delle persone trattate al proprio domicilio.

Vogliamo una sorveglianza affidabile e documentata delle condizioni di sicurezza sul lavoro e dell’adeguato approvvigionamento di DPI per tutti i lavoratori dei servizi essenziali.

Vogliamo una rendicontazione trasparente di tutte le spese affrontate finora, la pianificazione dell’impiego delle risorse acquistate anche nel prossimo periodo post-emergenza, con una particolare attenzione all’estensione definitiva dei posti letto di terapia intensiva e rianimazione su tutto il territorio regionale. Vogliamo il rispetto costante delle misure di contrasto al contenimento delle infezioni ospedaliere attraverso il consolidamento e la messa a verifica costante dei protocolli di prevenzione del contagio messi a punto in questa fase emergenziale.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*