Angela, Resistente di Napoli in tempi di Covid

Tra le tante storie di concreta solidarietà a Napoli, in tempi di Covid19, nonostante i soventi racconti stereotipati quanto non addirittura attacchi mediatici pervenuti da ogni dove alla nostra straordinaria città e ai suoi abitanti, risalta quella di Angela Parlato, Maestra ed Educatrice, dell’Istituto Primario Emanuele Gianturco.

Angela che ringrazio per la disponibilità nel concedermi la presente intervista, racconta con molta semplicità la sua azione di pedagoga in tempi di Corona Virus e volontaria dello “Sgarrupato” e del DAMM, insistenti nella Seconda Municipalità di Napoli.

Il tutto ha inizio l’8 Marzo (non a caso…) quando anche a Montesanto comincia a farsi sentire la penuria di generi di prima necessità a causa della “reclusione” alla cui sono sottoposti i cittadini insieme a quella di ogni attività commerciale ed Angela si attiva immediatamente per una concreta opera di solidarietà insieme ai volontari dei centri sociali, alle parrocchie di zona e semplici cittadini coi quali distribuisce spese “solidali” su segnalazioni della gente del posto che possono così ricevere un concreto aiuto, c’è da dire anche da persone di fuori e che testimoniano la loro vicinanza ai più bisognosi. Insomma quella Napoli che molto ma molto…. al di là dei soliti (ed interessati) cliché si dà una mano, come spesso nella sua storia, da sola….

Didattica a distanza…di vicolo

La seconda settimana di “chiusura” causa virus è quella più dura, le persone iniziano anche moralmente a sentirsi in difficoltà, necessitano socializzare, in particolare i minori e studenti, proprio quelli ad essere maggiormente discriminati dalla c.d. “didattica a distanza” che penalizza proprio la socializzazione inter-didattica dei più piccoli. Inoltre circa il 30% di essi non solo non è in possesso di strumenti ad hoc come computers ed hi-pad ma, anche per la conformazione edilizia della nostra città, si trovano in difficoltà per una scarsa connessione internet….


Alunni e studenti che in questa situazione non possono neppure stampare fotocopie…Angela quindi pensa di attivarsi pure in questo caso personalmente, stampando quanto inviato agli alunni per i loro compiti, direttamente dalla sua stampante…fino a quando anche il suo inchiostro finisce e siamo…punto e a capo…Le tipografie chiuse….Comme se fa?

Con le buste della spesa inizia anche ‘a lezziona a domicilio…della nostra Angela che porta in dote ai ragazzi ben quarant’anni di esperienza didattica e allora alla domanda della prof. “Spiegatemi, avete capito l’analisi del periodo, cos’è la subordinata?” i ragazzi: “chella ca vène adoppo!” e così comincia la didattica a distanza di vicolo o di balcone….

Angela, attivista sociale e volontaria da sempre, si pone come attrice di quella pedagogia che ogni docente od educatore dovrebbe perseguire coi fatti, andando ad incidere ed incontrare la realtà specie quella più a disagio ed eccola a fornire ai suoi ragazzi spiegazioni in una sorta di doposcuola che si trasforma in una vera e propria scuola su due gambe che la nostra prof. incarna con dignità ed umanità. Ora a consegnare hi-pad agli alunni, ora a passare la password dei wi-fi vicolo per vicolo da chi avesse a chi no (un motto…telematico di Moscatiana memoria)….una password di umanità, quella chiave che Napoli trova sempre quando è particolarmente sottoposta a stenti e privazioni….E così Angela dà l’esempio, indica in primis la sua di password (finendo lei stessa per consumare in questo modo la sua di connessione) e…’e ccriature accummenciano a sse cullecà…

Il fai da te, la civica solidarietà…resistere fin quando?

Angela finisce sotto “i riflettori” dei media italiani che ancora una volta “debbono” (secondo chi scrive, a malincuore…) constatare che la Napoli “protagonista”sugli schermi televisivi (quelli per cui il racconto del Mezzogiorno almeno negli ultimi vent’anni è relegato a questioni di delinquenza od ambientali) ovvero quella dell’1/4 della realtà – spesso amplificata ed edulcorata per questioni di shares – deve cedere il passo ai restanti 3/4 mai rivelati…cui la vicenda umanissima di Angela è esempio concreto ma anche una sorta di spia rossa sulle problematiche del domani che sono già oggi.

La straordinaria (nell’ordinaria penuria di mezzi ed assenza istituzionale) vicenda di Angela infatti, ci racconta del grande esempio civico della città di Napoli, della sua a-folclorica umanità e solidarietà ch’ella rappresenta magnificamente, ma pone anche delle domande molto gravi e ci interrogano su fin quando questa supplenza civica e democratica potrà reggere.

La gente è stanca e vuole riprendere a vivere, lamenta ancor oggi sussidi promessi ma non mantenuti, la disperazione incalza, i lavoratori in nero, quel nero che ‘e rippe o ‘e rappe ha dato sempre da mangiare a tanti “invisibili” a Napoli (nell’acquiescenza interessata di chi avrebbe dovuto combattere il fenomeno, offrendo condizioni per un lavoro…regolare) sono lasciati alla mercé di grinfie di avvoltoi…. Fin quando questa situazione sarà sostenibile? Ed i tanti, le “tante” Angela potranno fin quando eroicamente resistere nella loro azione civica e solidale? Ecco sono queste le domande che mi pongo, come napoletano, figlio di questa terra che deve sempre fare da sola e nella cui,  a quelle persone più in difficoltà, alle quali Angela che ringrazio per l’esempio de facto, ha offerto le proprie competenze e sapienza ma anche alla stessa Angela, vanno date risposte ora, anzi mo, non oltre, perché anche la resistenza ha un limite, oltre il cui tutto è possibile…

Soprattutto quando, come diceva Troisi (e come ebbi a far vedere ai miei alunni in un recente percorso di formazione…)  “quando ‘o Napulitano à capito chi è ‘o nemmico, po sarrà dura p’ ‘o potere“…

 

 

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Massimiliano Verde 7 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*