Potere al Popolo Napoli: “Vogliono speculare sull’emergenza”

Con la scusa del distanziamento i proprietari campani di lidi e stabilimenti privati chiedono a Vincenzo De Luca l’affidamento anche delle spiagge rimaste libere, come se non bastasse esigono anche l’abrogazione delle tasse e canone demaniale!
È una vergogna, ma di cosa stiamo parlando?!

Giro d’affari enorme

In Italia sono 52.619 le concessioni demaniali marittime a privati, circa il 60% della costa sabbiosa dell’intero Paese!
Un giro d’affari da 15 miliardi di euro annui, al fronte di un incasso per lo stato di soli 103 milioni, per non parlare poi dei costi inaccessibili di questi stabilimenti, fino a 30€ a persona per ombrellone e lettino!

Interi pezzi di costa regalati per pochi spicci a grossi affaristi del settore, soprattutto in Campania, dove la concentrazione di grossi stabilimenti supera di gran lunga quella dei più piccoli, magari con pochi posti, a gestione familiare.

Stiamo parlando di veri e propri imprenditori del mare che ogni anno macinano profitti stellari!

In alcuni Comuni si arriva addirittura al 90% di spiagge occupate da concessioni balneari e la Campania questa volta è tra le peggiori: la regione ha fissato solo al 20% (dato più basso in Italia) la percentuale di costa da lasciare libera!
Dobbiamo assolutamente controllare questa situazione ed evitare che il presidente della regione De Luca conceda altri regali da milioni di euro a chi non vede l’ora solo di aumentare i propri profitti!


L’esigenza del distanziamento e della sicurezza esiste, ma non è di certo questa la soluzione!
Costruiamo un piano alternativo che rimetta al centro le spiagge pubbliche, togliendole all’abbandono e all’incuria in cui versano.
Non permetteremo che con la scusa dell’emergenza qualcuno speculi in nome del proprio profitto!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*