Potere al Popolo: “Basta non possiamo tornare alla normalità delle morti sul lavoro!”

Mentre scriviamo si contano già un morto e decine di feriti in codice rosso in seguito all’esplosione alla Adler di Ottaviano, l’intero paese è avvolto da una nube tossica, il boato ha mandato in frantumi i vetri delle case ed è stato avvertito in tutti il golfo di Napoli fino ai comuni del salernitano.

Siamo al secondo giorno di Fase due e già sono ripresi gli incidenti sul lavoro, come quello che ieri a Milano ha ridotto in fin di vita un giovane di 32 anni caduto dall’impalcatura di un cantiere edile.

L’esplosione è avvenuta alla Adler Plastic dell’imprenditore Paolo Scudieri, stiamo parlando della sede storica di una multinazionale che fattura miliardi di euro l’anno, i controlli sarebbero dovuti essere quanto più rigidi possibili dato che lo stesso Scudieri solo un mese fa affermava : «Teniamo alla salute dei nostri dipendenti le aziende oggi sono luoghi in cui si applicano con rigore le misure di sicurezza messe in campo dal governo»

Non è così

Purtroppo non è così, oggi le aziende non sono luoghi sicuro e l’esplosione di oggi si configura come una delle più grandi tragedie sul lavoro degli ultimi anni.


Non possiamo accettare episodi come questo, soprattutto in un momento dove la tutela della salute è posta al centro di ogni dibattito, non possiamo accettare che riprenda l’ecatombe delle migliaia di morti sul lavoro.

Per questi motivi

Chiediamo di intervenire immediatamente per appurare le responsabilità dell’accaduto alla Adler

Chiediamo di intensificare i controlli per garantire la massima sicurezza sul lavoro, sia per quanto riguarda le mansione ordinarie, sia per quanto riguarda le disposizioni di sicurezza relative alla prevenzione da coronavirus

Chiediamo di incrementare l’operato dell’ispettorato del lavoro, affinché gli ispettori possano intensificare i controlli, ma soprattutto pretendiamo l’effettiva efficacia di tali controlli, da effettuarsi senza preavviso, nell’assoluta tutela dei lavoratori in caso di denuncia e con effettiva conseguenze in termini di sanzione del datore di lavoro e di incremento della sicurezza nel luogo di lavoro

Chiediamo a tutte le sigle sindacali di non ignorare quanto avvenuto ad Ottaviano e proclamare lo momenti di sciopero intercategoriale nel ricordo di vittime e feriti e per rilanciare concretamente il tema della sicurezza sul lavoro.

Promuoviamo la creazione di “Comitati Popolari per la Difesa dei Lavoratori”, formati, su base territoriale, da attivisti ma anche da sindacati, gruppi, organizzazioni sociali e politiche, che abbiano il compito di tutelare quei lavoratori che non godono di adeguati rapporti di forza per far valere i propri diritti e la propria sicurezza.

La comunità di Potere al Popolo esprime massima solidarietà e vicinanza a tutti i cari ed i conoscenti della vittima e dei feriti.

Non si può tornare alla normalità se la normalità è morire sul lavoro!

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*