Bullismo e violenza di genere: il caso Napoletano

Aprendo il dizionario della lingua italiana alla voce “bullismo” ci imbattiamo in una definizione che ha riguardo ad un comportamento o atteggiamento arrogante, di sopraffazione sui più deboli, con riferimento a violenze fisiche e psicologiche. Oggigiorno sembra esserci (fortunatamente) un’attenzione particolare su questo fenomeno declinato sui minori in particolar modo, tra minori e sui minori, in ambito morale, fisico e psicologico.

Con l’espressione violenza di genere invece si indicano tutte quelle forme di violenza da quella psicologica e fisica a quella sessuale, dagli atti persecutori del cosiddetto stalking allo stupro, fino al femminicidio, che riguardano un vasto numero di persone discriminate in base al sesso, spesso donne.

Un caso molto particolare di bullismo che definiremmo di carattere istituzionale o “pubblico”, assolutamente inesistente come tematica di discussione, confronto, esame o dibattito in Italia ma, sfortunatamente non meno grave – anzi proprio per questo, particolarmente virulento – circa il primo ed il secondo tipo di violenza, riguarda la comunità socio-culturale napoletana. In questo senso, occorre richiamare, quanto ai minori,  la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 e ratificata dall’Italia il 27 maggio 1991 con la legge n. 176 e, nel secondo, la Convenzione sull’Eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti della Donna  e la Convenzione sulla prevenzione e il contrasto alla violenza sulle donne e alla violenza domestica adottata a Istanbul, dal Consiglio d’Europa, l’11 maggio 2011 (convenzione di Istanbul), rispettivamente ratificate con con legge del 14 marzo 1985, n. 132 e  legge n. 77 del 27 giugno 2013.


Bullismo culturale, discriminazioni,violenze

Per comprendere la portata del problema e l’incongruenza della situazione in Italia quanto a questa comunità rispetto alle convenzioni sopracitate, occorre una sintetica premessa onde evidenziare la contraddittorietà rispetto alle enunciazioni giuridiche colà sancite e la situazione/rappresentazione culturale e mediatica della comunità sociale napoletana sia riguardo ai minori che della donna in quanto soggetto di questa comunità.

Innanzitutto in Italia, l’eredità linguistica napoletana è assolutamente tenuta fuori dal sistema scolastico nazionale, tale patrimonio culturale che costituisce un vanto per l’Italia nel mondo (espresso ad esempio dalla canzone, dal teatro, passando per la tradizione artistica, culinaria, filosofica magno-greca, ecc.) è costantemente trasmesso e ri-prodotto dai mass media come qualcosa di rozzo, volgare, folclorico, di corrotto e degradante, cioè direttamente o con allusioni, principalmente alla criminalità o relativo all’ignoranza, una lingua insomma parlata da analfabeti o almeno ridicoli/simpatici ignoranti.

Disgraziatamente questo ha un impatto soprattutto ma non solo, sulle fasce socialmente più a rischio e marginalizzate della città di Napoli, tenute lontane da una partecipazione attiva ad un progresso culturale e linguistico dignitoso, proprio quelle cioè dove quest’eredità storico-linguistica è più forte da un lato ma degradata, anche per per volontà  di certa “intelligentia” cittadina, dall’altro.

Ancor peggio: si assiste alla diffusione del vernacolo Napolitano attraverso una combinazione malefica di questi elementi che si offrono al pubblico (anche internazionale) nella versione, da un lato, di una presunta “identità popolare” o come una sorta di azione di “denuncia sociale” dall’altro.

Quanto sopra avviene attraverso una ignobile generalizzazione di contesti sociali abbandonati dalle pubbliche istituzioni, di realtà, rappresentate senza speranza. O comunque con il peso di una macchia indelebile, colpa, vergogna, sempre latente anche in un presunto riscatto sociale che prevede in ogni caso, l’allontanamento da questa lingua e dell’eredità culturale che la sottende.

Questa situazione è particolarmente grave per i bambini di madrelingua napoletana (solo per restare a Napoli, il Napoletano è trasmesso infatti come lingua materna in quanto parlato almeno per il 70% dalla popolazione) specie per quelli appartenenti a situazioni di disagio che lo Stato ed un sistema sociale e culturale disgregato – abbandonato soprattutto da una silente e colpevole classe “intellettuale” – hanno lasciato a loro stessi.

In Italia difatti, la preponderante e quasi sempre unilaterale e negativa rappresentazione della realtà culturale e linguistica di Napoli (e del Sud Italia, Napoli nell’immaginario collettivo italiano è l’emblema del Sud arretrato ed ignorante) prodotta o stimolata dai mass-media e dal sistema educativo, contribuisce a diffondere tra i giovani e bambini napoletani per lo più appartenenti a situazioni sociali e culturali a rischio, ma non solo, ancor più una sottocultura deviante che induce, in un pericoloso effetto domino, questa nuova generazione a cambiare in modo violento la pronuncia napoletana e l’auto rappresentazione, anche dis-valoriale di se stessi.

Assistiamo così ad un duplice attacco di stampo bullistico ai diritti di questi bambini o minori, più ampiamente. Usiamo tale aggettivo per denotare una drammatica situazione provocata o quanto meno tollerata da un’azione anche pubblica moralmente e culturalmente, violenta. E pensiamo che questa caratterizzazione possa suggerire ulteriori riflessioni ed argomentazioni.

In primis al bambino/minore di lingua materna napoletana, il sistema educativo e dei media italiani impone (come impone al suo nucleo familiare) un’educazione alla minorizzazione con riguardo alla sua lingua od accento, come qualcosa che si deve perdere,poiché volgare, degradante, ignorante, come sopra si diceva. Naturalmente ciò include la perdita e la minus valorizzazione di tutto ciò che appartiene autenticamente a quell’eredità culturale-linguistica che è propriamente quella napoletana (e campana), un tesoro di tremila anni di civiltà che così va disperdendosi per sempre.

In tal senso occorre anche evidenziare, purtroppo la messa in scena di opere cinematografiche, anche per bambini i cui caratteri (questo è il caso di opere filmiche non italiane, cartoons, ecc., doppiate in Italiano per esempio) con accento napoletano, le cui hanno un’impronta negativa (personaggi dal chiaro accento napoletano rappresentati come fannulloni,truffaldini, criminali, ecc.).

Tale situazione è com’evidente, foriera di stereotipi, discriminazioni, conflitti e va a minare la dignità di questi minori, la costruzione del proprio futuro ed il corretto sviluppo democratico della società in cui vivono.

Ciò accade anche per altre famiglie linguistiche come il Siciliano ad esempio.

Per il sistema di istruzione nazionale italiano invece, semplicemente il problema non si pone in quanto il Napolitano non è meritevole di progetti educativi e d’istruzione di massa, il patrimonio linguistico napoletano, infatti, è considerato una degradazione dell’Italiano, connesso all’analfabetismo e sicuramente da evitare, a parte meritori progetti pilota quali quelli che vedono attivi chi scrive.

In Italia generazioni di fanciulli di lingua materna napoletana hanno subito infatti e subiscono quotidianamente, un’azione diretta ed indiretta e per ciò stesso, violenta,  di sradicamento e cancellazione della propria identità culturale e linguistica, innanzitutto con l’imposizione educativa di un’unica lingua ufficiale, l’Italiano (accanto a lingue europee diverse) e dall’altro, da una forte marginalizzazione socio-culturale della propria identità (e dignità) linguistica declinata come abbiamo prima osservato e ripetiamo,  in forme criminogene, univocamente degradate, peggio,edulcorate in nome di una “superficiale” riconquista di un’eredità culturale che invece è contraddistinta da tratti parziali, grotteschi mai pedagogici e comunque sempre riconducibili ad ambiti socialmente sottosviluppati e connessi all’arretratezza morale e sociale. E che non indaga mai cause profonde né tanto meno con verità, indipendenza e schiettezza.

Mitizzazione di modelli criminogeni identificati in una supposta lingua espressiva e riconducibile alla criminalità o cancellazione per senso di vergogna, indotta, della propria intima identità culturale e linguistica. In mezzo:  folklorismo e indigenismo, un vero disastro antropologico!

Questa situazione va esaminata anche alla luce della Convenzione internazionale sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale ratificata dallo Stato Italiano il 5 gennaio 1976 ed in vigore dal 4 febbraio 1976. La Carta impone agli Stati Parte d’impegnarsi a vietare ed eliminare la discriminazione razziale in tutte le sue forme garantendo il diritto di tutti, senza distinzioni di origine etnica all’uguaglianza davanti alla legge,in particolare nel godimento dei diritti sociali e culturali; ad adottare misure immediate ed efficaci, in particolare nei settori dell’insegnamento, dell’istruzione, della cultura e dell’informazione, al fine di combattere i pregiudizi che portano alla discriminazione razziale e promuovere la comprensione, la tolleranza e l’amicizia tra i gruppi etnici.

Particolarmente rilevante in tal senso è l’affermazione del diritto all’uguale partecipazione alle attività culturali, diritto che è seriamente messo in discussione dallo scarso od assente accesso dei bambini di lingua materna napoletana alla conoscenza e comprensione del valore e dignità sociale, del proprio ed autentico patrimonio storico-culturale.

Ciò infatti, per i motivi succitati dovrebbe prevedere necessariamente anche una – corretta – istruzione nella e della loro lingua materna.

Assistiamo di converso ad una frizione rispetto al fatto che l’espressione “discriminazione razziale” della Carta in questione stia ad indicare ogni distinzione, restrizione o preferenza che sia anche basata sull’origine etnica, che abbia lo scopo o l’effetto di distruggere o di compromettere il riconoscimento, il godimento o l’esercizio, in condizioni di parità, dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali in campo sociale e culturale o in ogni altro settore della vita pubblica.

Gli atteggiamenti di politici di rango anche istituzionale e nazionale non sono da meno ed andrebbe considerati anche sotto la lente del c.d. “hate speech” o discorso d’odio o incitamento all’odio (“la camorra dato costitutivo della città di Napoli”cit. Rosy Bindi, ex Presidente della Commissione parlamentare antimafia; “Napoli, fogna daderattizzare”, cit. Roberto Calderoli, ex ministro delle riforme istituzionali) così come quelli di esponenti di punta del giornalismo italiano (“Napoli, città decomposta da migliaia di anni”, cit. Giorgio Bocca), l’esclusione degli autori del Sud  (!) dei poeti e scrittori meridionali del ‘900 dai programmi ministeriali per i licei italiani, una narrazione televisiva per la cui negli ultimi trentanni ad esempio al Tg1 sólo il 9% delle notizie hanno riguardato il cosiddetto Mezzogiorno d’Italia e quasi tutte sul crimine ed il fatto che negli anni 2000 gli articoli giornalistici della stampa italiana si siano ridotti dell’80% (ed anche questi debordanti sull’esclusivo tema criminale), corroborano un sistema “pedagogico”, profondamente violento.

Questa situazione, possiamo ben dire aberrante, è in palese contraddizione anche rispetto alla Convenzione sui diritti del fanciullo che invece ribadisce  l’importanza delle tradizioni e dei valori culturali di ciascun popolo per la protezione e lo sviluppo armonioso del fanciullo, per la preservazione della
propria identità; il diritto alla libertà di espressione (art.12), imponendo agli Stati ratificanti il dovere di inculcare al fanciullo il rispetto della sua identità, della sua lingua e dei suoi valori culturali, così secondo le disposizioni dell’art.29 della medesima Convenzione.

In secondo luogo, la violenza che questi bambini hanno a subire riguarda anche le loro madri. Se da un lato infatti questi bambini vedono leso e limitato il loro diritto a ricevere un’educazione rispettosa della loro identità culturale ed alla libera espressione della medesima, dall’altro ciò si realizza anche in una compressione o lesione, dei diritti delle donne di questa comunità, colpite da una violenza discriminante quanto a genere, autonomia e soggettività. Poiché saranno proprio loro ad istruire i propri figli al dis-valore della propria identità.

Educazione,maternità,violenza di genere

Alle madri di questi bambini viene indotto da certo sistema “pedagogico” italiano anche locale, d’insegnare ai figli il “parlar bene” ovvero, a riprendere i loro figli quando questi ultimi si esprimono in Napoletano, in quanto tale lingua sarebbe ontologicamente “un male” di per se, essi stessi sono un male di per se e quindi vanno cambiati, per essere altro. Violenza subita dalle madri di questi fanciulli che si fanno attrici di un compito profondamente auto-alienante, verso loro stesse e la loro prole, il futuro della comunità con azioni ed effetti spaventosamente anti-democratici.

In sostanza siamo in presenza di nuovo, di una duplice violenza istituzionale sia verso la madre (sorgente educatrice degli uomini di domani) che verso la prole. Si va quindi a cancellare la loro intima identità sin dall’infanzia, tale rimozione o degradazione/edulcorazione dell’identità verrà poi fortificata dai mass-media italiani durante il percorso di crescita. Proprio mentre la Convenzione sull’eliminazione di tutte le forme di Discriminazione nei confronti delle Donne, impegna gli Stati parte a tutelare la funzione sociale della maternità, ovvero di progresso sociale per una comunità, che anche qui viene compressa e violata da un’azione educativa materna alla disistima della dignità sociale e culturale dei figli, quale è quella che le madri napoletane sono indotte dal sistema culturale italiano a trasmettere a quelli.

Queste donne pertanto sono colpite in quanto soggetti di diritti e nel loro ruolo sociale di madri, o gli viene lasciato in eredità un abbrutimento, una degradazione linguistico-culturale, socialmente trasversale che a loro trasmetteranno ai loro figli.

Osserviamo quindi una limitazione all’esercizio da parte di queste donne, di quei diritti umani e libertà fondamentali in campo sociale, culturale e civile, solennemente tutelati dalla Convenzione di cui sopra. Senza ch’esse ne abbiano coscienza, addirittura come agenti di tale (auto)limitazione.

Una disgregazione in nuce della comunità sociale, culturale e linguistica napoletana e quindi di conseguenza, nazionale che si configura anche come lesiva dei diritti all’autonomia e l’autodeterminazione delle donne, elementi baluardo ed argine alla violenza morale e psicologica e, di quella partecipazione all’elaborazione e all’attuazione di politiche e alla definizione di linee guida e di norme di autoregolazione atte a prevenire la violenza contro le donne e rafforzare il rispetto della loro dignità che lo Stato Italiano dovrebbe incoraggiare nei confronti del settore privato, il settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e i mass media, secondo quanto disposto dalla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Un lavoro per i diritti, per la dignità

Quanto sopra, si configura pertanto come un ambito di riflessione circa il concetto di bullismo e di violenza contro le donne che crediamo molto indicativo, costituendo il caso in esame come esemplare e purtroppo paradigmatico almeno in Occidente, relativamente ad un’intera comunità socio-culturale, quale quella napolitana e dei napoletani e campani, in quanto cittadini della nazione italiana, anche rispetto ai principi costituzionali che tutelano la sovranità, la dignità umana, l’eguaglianza, la libertà d’espressione ed il progresso democratico della nazione.

Non a caso l’Accademia Napoletana, gruppo di ricerca indipendente, scientifico e culturale internazionale si pone in Italia come pioniera nello studio e denuncia di queste problematiche e tematiche che come detto non sono contemplate in alcun modo nel nostro Paese ma, paradossalmente invece sono all’attenzione di personalità accademiche, di giuristi, antropologi, intellettuali, attivisti per i diritti civili ed umani che da ogni parte del mondo collaborano con la medesima Accademia.

Si rende noto che i contenuti dei nostri lavori sono all’attenzione anche di istituzioni quali l’UNESCO e sono stati portati all’attenzione più volte delle istituzioni italiane, purtroppo, in quest’ultimo caso, senz’alcun riscontro.

Offriamo pertanto il presente articolo all’attenzione di tutti coloro che anche in Italia sono impegnati nella difesa sociale, culturale e giuridica dei minori e si battono contro ogni discriminazione, inclusa quella di genere ed auspichiamo di poter intraprendere in tal senso, offrendo il nostro contributo, una serie di iniziative, concrete e divulgative onde evidenziare e sensibilizzare la comunità e le istituzioni italiane competenti, soprattutto verso quegli ambiti sociali, ovvero emarginati, che più necessiterebbero di recuperare, nella loro pienezza e dignità, la propria identità linguistica e culturale, perché più profondamente conservatrici di un patrimonio da poter ri-attivare per se stessi e la collettività.

 

 

 

 

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Massimiliano Verde 7 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*