Feste patronali, “il settore di nicchia” dimenticato

Feste patronali

Il Covid19 e il successivo lockdown, ovvero la necessaria reclusione forzata, ha radicalmente modificato la sfera sociale. Matrimoni, Prime Comunioni, Concerti, Eventi, Feste Patronali e persino funerali sono stati vietati nella prima fase, in Italia, per evitare il pericolo di assembramenti potenzialmente dannosi per la salute pubblica.

Piccoli segnali di ritorno “alla normalità”

La fase 2, che il nostro Paese si appresta a vivere dal 4 maggio, prevede piccoli segnali di ritorno “alla normalità”. L’emergenza, tuttavia, non è ancora finita, si potranno vedere gli ormai celeberrimi congiunti, si potrà svolgere attività fisica con i dovuti metri di distanza, si potrà tornare nelle regioni di residenza. Come chiarito dal premier Conte, in questa delicata fase, è opportuno non abbassare la guardia; gli assembramenti restano, comunque, vietati e la vita sociale, come supposto da molti esperti, non sarà comunque più la stessa al termine del Corona virus.

Le restrizioni stringenti hanno colpito in maniera drastica il settore delle feste patronali, settore di nicchia, che crea un indotto ingente che alimenta il PIL nazionale.  Feste patronali, fiere, sagre, manifestazioni culturali di vario genere, rappresentano tradizioni secolari che radunano folle e muovono cifre di milioni di euro. Un settore particolarmente sviluppato nel Mezzogiorno con numeri abbastanza importanti nel Settentrione, dove il mercato fieristico e il mercato delle sagre rappresentano il fiore all’occhiello della categoria.

Da aprile a settembre, in particolare nel Sud Italia

Da aprile a settembre, in particolare nel Sud Italia, il settore vive la sua stagione più florida con centinaia di eventi che coinvolgono il pubblico e sostengono l’intera economia meridionale. Tanti i lavoratori coinvolti dai fuochisti, esperti nell’arte dei giochi pirotecnici, agli artisti delle luminarie, che accendono le feste con spettacoli suggestivi, ai concerti bandistici, che contribuiscono, con le loro sinfonie, ad armonizzare il clima della festa, majorettes, che danzando stupiscono grandi e piccini, e i venditori ambulanti, che alimentano il mercato delle bancarelle. Mestieri nobili, a volte legati da tradizioni di famiglia, che rischiano il baratro dato il divieto assoluto di assembrarsi. Il futuro appare, infatti, incerto dato che, per il momento, il governo centrale non ha disposto alcuna regolamentazione.


Le feste patronali non potranno che svolgersi in remoto

È chiaro che, a prescindere dal nome della fase dell’emergenza, (fase uno, due, tre,) le feste patronali non potranno che svolgersi in remoto, versione 3.0, perché il pericolo di folle oceaniche persiste fino a quando non sarà sperimentato un vaccino. In Puglia, sono a rischio 53 feste patronali che dovrebbero svolgersi da giugno a settembre, solo nella provincia di Lecce l’indotto alimentato da tale settore è di 20 milioni di euro, pertanto, i lavoratori del settore, onde evitare le paralisi, stanno sperimentando protocolli d’intesa e ricorrendo allo strumento dell’associazionismo.

In Campania, la situazione è ugualmente intricata, centinaia di feste patronali e manifestazioni culturali restano, per il momento, sospese in attesa di chiarimenti da parte degli organi prepositi.

Per scongiurare il blocco del settore, sarà opportuno sperimentare e la diretta Streaming o su altre piattaforme multimediali potrebbe essere una valida soluzione. Nel frattempo, mentre si prospetta la rivoluzione digitale, l’esempio pugliese fa scuola e da più parti si ipotizza il ricorso a protocolli che coinvolgono le maestranze delle singole categorie, nell’attesa che qualcuno si pronunci e chiarisca

come scongiurare la paralisi. Per il settore delle feste patronali, insomma, parafrasando una massima napoletana:” Adda passà ‘a nuttata”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*