Napoletano, lingua di resistenza e libertà

In occasione del 25 Aprile, data della liberazione della città di Milano dal nazi-fascismo che si vuole far coincidere convenzionalmente con la fine della dittatura in tutto lo Stivale (ma la guerra terminò solo l’8 maggio)  a chi scrive è lieta l’occasione per alcune osservazioni riguardo la lingua Napoletana ed ai suoi parlanti, ovviamente.

Com’è noto Napoli festeggia in realtà la sua liberazione molto prima del 25 Aprile, nel Settembre del ’43 durante le famose (e strumentalizzate a volte per scopi di bottega politica) Quattro Giornate, in quanto prima tra le grandi città d’Europa (Napoli fu anche la più martoriata città italiana  a causa dei bombardamenti anglo-americani e successivamente sacrificata sull’altare del Piano Marshall) a scrollarsi da sola, con uno spontaneo movimento popolare, dal giogo delle truppe germaniche e fasciste.

Movimento che come ebbe a dire il compianto patriota Gennaro Di Paola, se mirava alla liberazione dalla fame e dalla disperazione in cui era stata precipitata dall’oppressione nazi-fascista, non certo aveva nel suo spontaneismo l’obbiettivo della rivoluzione. Il compianto Gennaro affermava: “ci hanno chiamati partigiani e nnuje ce ll’âmmo tenuto”, come a dire, altri ci hanno voluto definire con l’appellativo di partigiani, l’abbiamo accettato, ma per noi popolo napoletano combattente nulla cambia rispetto alle nostre azioni ed intendimenti di allora.

Lingua di Resistenza e Libertà

In occasione quindi di questa ricorrenza come in altri sedi rammentato (ricorre un anno dalla conferenza che lo scrivente fu invitato a tenere, tra le altre, negli Stati Uniti, alla New York University e tra poco, di un’intervista rilasciata alle Nazioni Unite) preme sottolineare che, contrariamente ad un’univoca e strumentale propaganda filmica, mediatica, giornalistica, romanziera, folcloristica, il patrimonio culturale magno-greco  e pre-greco, cui attinge la lingua napoletana che ancora magnifica l’Italia nel mondo, con la sua melodia, le sue espressioni artistiche e nomenclature eno-gastronomiche, tesoro vivente che i suoi parlanti offrono quotidianamente al mondo, è strettamente e storicamente connesso alle voci Libertà e Resistenza.


La scacciata dell’Inquisizione, la riconquista del Regno occupato dai francesi con l’ausilio dei loro alleati in loco (i rivoluzionari giacobini divergevano dal popolo anche per la lingua parlata, ebbe a scrivere il Cuoco) la Resistenza alla dittatura nazi-fascista hanno infatti un comune denominatore, ‘a lengua –  la lingua con la cui e grazie alla cui -questi atti e fatti storici avvennero grazie e per mezzo della carne viva di quelli che curiosamente per alcuni passano ad essere spregiativamente definiti come lazzari, per i fatti del ’99 a  glorificati come partigiani per quelli del 1943. Ovvero scugnizzi e  donne di Napoli. Sempre protagonisti.

Geni artistici come Ferdinando Russo prima e Raffaele Viviani dopo, ad esempio costituiscono un potente simbolo di quella resistenza culturale e sociale e profondamente popolare a quell’edulcorazione, cancellazione o “indigenizzazione” che la lingua materna napoletana e i suoi parlanti, ebbero a subire dal regime piemontese-savoiardo il primo, fascista il secondo, sistemi avallati e difesi dalla stessa casa Savoia. Viviani e Russo quindi si pongono da baluardo e sono da monito a quell’imbastardimento della nobile lingua napoletana, cui farà cenno anche Prezzolini, e, più visceralmente in Viviani ancora, al recupero, al riscatto sociale del popolo napoletano con lo strumento della sua lingua, per cui essa stessa si fa riscatto, molto diversamente da certa  condanna fine a se stessa che lascia la macchia indelebile di una colpa ab-origine di verghiana memoria, quale quella che oggi viene presentata, inoculata allo spettatore od al lettore di certe opere romanzesche o filmiche.

Quattro Giornate, lingua di un popolo

I Napoletani organizzarono la Resistenza alla dittatura nazi-fascista, riconoscendosi come comunità libertaria nella propria lingua, grazie alla loro lingua e attraverso la loro lingua, ‘o Nnapulitano, il Napoletano. Così come con quest’arma formidabile, profondamente espressiva della loro identità collettiva -apparentemente dormiente ma concretamente vitale e mai doma – essi erano stati i protagonisti nella storia e della storia della loro città  secoli addietro. Fu attraverso una lotta di popolo che Napoli fu da esempio a tutta l’Italia, ma appunto con quale lingua i napoletani si ricostituirono in unità contro l’oppressore? Il Napoletano, la loro lingua materna, edulcorata e mistificata come gli stessi napoletani, ancora ai giorni nostri, la lingua delle donne del popolo dell’urlo straziante all’oppressore nazista per la liberazione dei loro uomini; dell’eroina Cerasuolo o dei tanti Gennaro Capuozzo che immolarono le loro vite per loro stessi e la loro comunità, il loro popolo.

Resistenza, oggi come ieri

E’questo che il potere teme che cerca di mistificare, questo potentissimo effluvio lavico che scorre nelle vene di ogni napoletano che sia non solo nato a Napoli, ma che di Napoli sia carne viva, appunto. Ecco ciò che il potere economico, finanziario ma anche quello politico, volle già ai tempi della liberazione di Milano: maneggiare,gestire, monopolizzare, commercializzare, vendere: questo patrimonio d’umanità che è costitutivamente presente ed immortale nel popolo napoletano, la sua lingua, il suo essere apparentemente supino ma invece resistente e “sfrenato”come il cavallo che i padri greci gli donarono per sempre.

Oggi in tempi di globalizzazione virale questo popolo continua a resistere agli attacchi che riceve da ogni dove per via mediatica, attacchi martellanti come i bombardamenti della guerra, ma resiste, riscoprendo la sua lingua, come arma di resistenza e di difesa attiva alla commercializzazione globalizzante, al folclorismo, alle ingiustizie sociali cui i governi non scappano, ai continui tentativi di cambiarlo, di farne altro da sé, tentativi che questo potere, cui certa cultura ufficiale italiana è espressione, continua a portargli.  Non è un caso che proprio la ri-valorizzazione della lingua materna di questo popolo che chi scrive cerca di sostenere con ogni mezzo democraticamente possibile, coincide con la ri-scoperta di appartenere ad una comunità-identità che combatte, resiste e contrattacca, oggi  e sempre, ponendosi ancora oggi da esempio anche per la liberazione di altri popoli e comunità oppressi.

Cu ‘a lengua soja e ggrazzie a’ lengua soja. ‘O Nnapulitano.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Massimiliano Verde 7 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*