Covid-19 e la crisi del turismo, lo abbiamo chiesto a Vincenzo Passaro di 7th Floor suite

Covid-19

Covid-19, quanto ci ha danneggiati? Purtroppo il Virus ha portato tanta sofferenza e morte. Ancora oggi stiamo combattendo tutti noi una battaglia che per adesso non ha limite di tempo. Sicuramente il Virus influenzerà in futuro la normalità del nostro passato, fino a quando non ci sarà il  vaccino. Ma oltre l’aspetto sanitario, un altro aspetto purtroppo critico è quello economico. Parliamo di innumerevoli attività che stanno affrontando grosse difficoltà economiche per via delle chiusure obbligate dalle disposizioni ministeriali e regionali. Senza contare le persone che soprattutto al Sud lavorano in nero ed oggi non possono permettersi un piatto a tavola. Ma gli aiuti dallo Stato ci sono? A questa domanda restano poche risposte ed anche incerte, in alcuni momenti finanche silenzi angoscianti! Ma rimaniamo in Campania, dove un gran numero di imprenditori di vari settori, sta cercando di riunire le forze non solo per superare il momento  della quarantena, ma per programmare il futuro lavorativo, nel modo più concreto, contro l’emergenza Covid.

Vincenzo Passaro, titolare del B&B 7th Floor suite al Vomero centro: Lei che ha un’ attività inerente al turismo, quindi una delle più colpite durante questa emergenza, come pensa di poter risollevarsi da questa situazione dopo che avrà di nuovo l’autorizzazione per riaprire? Pensa che il Presidente De Luca sia stato, a differenza delle regione del Nord, più rigido nelle restrizioni?

Noi piccoli imprenditori, sopratutto del turismo non abbiamo avuto alcun aiuto. Tutti i soldi promessi sono solo fumo negli occhi. La nostra unica speranza è riposta nella nostra sola forza economica e psicologica. L’unico strumento che ad oggi abbiamo potuto utilizzare è stata la cassa integrazione in deroga per i nostri dipendenti che comunque ad oggi non hanno ricevuto ancora nemmeno 1€. Questa procedura li tutela fino alla prima settimana di maggio. Dopo tale data non abbiamo notizia alcuna.

Detto ciò, tutti i mezzi messi in campo dal governo centrale non sono strumenti reali di supporto alle aziende, bensì, sono solo mezzi per indebitarci ulteriormente. Quindi, molto probabilmente, non li prenderemo minimamente in considerazione. Lo stato italiano per essere efficace in questo momento ha l’obbligo morale di fornire LIQUIDITÀ REALE alle aziende, non garanzie bancarie


Salvatore Giarra, titolare della vineria Sorsi e Morsi, al vomero, punto di ritrovo di molti giovani napoletani: Sig. Giarra non sapendo cosa ci riserverà il futuro sulle nostre abitudini, lei ha mai pensato di mollare? Cosa prevede per il futuro?

Carissimo sig. Caputo, le nostre abitudini e quelle di tutti cambieranno senza ombra di dubbio…nonostante ciascuno di noi dica che dopo tutto questo farà….dirà…., io credo che ci sarà sempre un velo di paura in tutte le nostre azioni, ci vorrá del tempo per tornare a quella consueta normalità. Nonostante ciò, non ho minimamente pensato di mollare, assolutamente no!  Il momento, commercialmente parlando, è difficile ma combattiamo e resistiamo, purtroppo c’ è da soffrire e sapremo risollevarci, (DA SOLI) anche dopo questa sventura! 

Roberto Gagliardi,  uno dei titolari del circolo Ondina Club a Posillipo, noto per eventi e feste nel napoletano: Sig. Gagliardi, pensa che prima o poi si possa ritornare alla normalità? Lei è pronto ad apportare eventualmente modifiche al suo locale, per il futuro? Lo Stato vi è stato vicino in questo momento?

Il presidente De Luca con la sua teatralità ha avuto un pugno forte con una regione come la nostra. Il suo comportamento ci ha salvati da una crisi sanitaria peggiore rispetto a quelle del nord. Purtroppo, queste sue decisioni hanno avuto un forte impatto economico. Per quanto riguarda la mia attività non vedo un futuro roseo, visto che è un attività che raggruppa persone. Il problema è che  in futuro, se si potrà lavorare in maniera ridotta, bisognerà allineare le spese per mantenere viva la propria attività. Al momento, quello che vedo in tv sulle possibilità di adeguamento archittetonico per l’emergenza virus, credo che a Napoli, sia inattuabile.

Fabio Messina, titolare del ristorante Osteria Partenope: Sig. Messina, come sta affrontando questa situazione critica per la sua attività? Lei è d’accordo sulle restrizioni che il presidente De Luca ha effettuato sul territorio? Cosa prevede per il futuro:  crede che si potrà ripartire con delle restrizioni architettoniche per aumentare le distanze tra persone nel suo locale? Ha mai pensato di mollare? Qualche idea per ripartire ?

Al netto della grande angoscia del momento e delle preoccupazioni per il presente e soprattutto per il futuro, sto impegnando le mie giornate in sessioni di studio e sperimentazione di nuove modalità di cottura e allestendo proposte di nuovi menù. Inoltre, sto finalmente vivendo la casa, la famiglia che troppo spesso ho trascurato per mancanza di tempo. Ancora, sono pienamente d’accordo con De Luca relativamente alle restrizioni stringenti. Spero che si possano riscrivere insieme le regole per la riapertura: regole condivise e sostenibili, non calate dall’alto e senza logica. Aggiungo, le notizie più o meno fondate relative alle restrizioni architettoniche sono inattuabili per due ordini di motivi: assenza di spazi fruibili ed impossibilità di generare utile. Inoltre, mi chiede se ho mai pensato di abbandora il mio lavoro, non lo farò mai, sono troppo innamorato del mio lavoro. In fine, più che un’idea ho una ricetta per ripartire: felicità ! Vivere con il sorriso e recuperare il tempo dilapidato in inutili arrabbiature e litigi! 

Emanuela Romano, titolare della pizzeria Giglio Rosso ai Camaldoli: Signora Romano, si parla di ridurre delle restrizione con l’autorizzazione delle consegne a domicilio, questo per voi quanto sarebbe importante? Si parla di adottare delle misure restrittive in ogni locale per garantire distanze di sicurezza tra il clienti , lei sarebbe pronta ad adottare queste modifiche? Si sente sola ad affrontare questa situazione o lo Stato ha dato qualche aiuto? Cosa si aspetta per il futuro?

Per quanto riguarda la possibilità di poter lavorare con il delivery ci aiuterebbe sicuramente ad affrontare parte delle spese a cui ogni mese dobbiamo far fronte, ma non è’ sicuramente la soluzione al problema. Per quanto riguarda le misure restrittive per l’utilizzo della sala, nel mio caso, avendone una di circa 40 posti a sedere e potendone quindi ricavare 15/20, questo non basterebbe a sostenere un canone di fitto, il costo dell’energia elettrica, un televisore con un canone Rai di oltre i 400,00€ , la tari, che viene calcolata in base ai mq e via dicendo. Mi sento sicuramente sola, perché le risoluzioni adottate dallo stato per la tutela della mia e di tante altre imprese simili, sono del tutto insufficienti. Dal futuro non mi aspetto nulla, aspetto per capire cosa accadrà. Quel poco che avevo costruito con la mia famiglia in sette anni, lo sto vedendo svanire giorno dopo giorno, e spero che anche questa volta basterà rimboccarsi le maniche x rialzarsi, ma temo che non sarà così 

Abbiamo citato soltanto una rappresentanza di una piccola parte di lavoratori e già le risposte fanno percepire chiaramente quanta difficoltà si stia vivendo e quanto possano essere difficili da attuare le proposte ministeriali. Ci si aspetta che nei prossimi giorni possano esserci delle linee guida più concrete, altrimenti, nonostante l’entusiasmo di chi ama il proprio lavoro, il coraggio e la passione di chi ha costruito tutto con dignità, svaniranno quelle attività che rendono funzionante il tessuto sociale!

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*