La crisi del settore della cultura e dello spettacolo

Il movimento di lavoratori per la cultura Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali nato nel 2015, in questi giorni ha presentato alcuni esiti dell’inchiesta: “Il lavoro al tempo di COVID-19” nel settore della cultura e dello spettacolo.
Come Potere al Popolo! siamo da sempre al fianco delle battaglie dei lavoratori del mondo della cultura e dello spettacolo, abbiamo promosso iniziative e momenti di incontro per organizzarci e portare avanti le istanze di un comparto in sofferenza e che, pure, produce qualcosa di valore inestimabile: benessere, emozione, armonia, pensiero critico, arte. In una parola, cultura. E’ ora di mettere fine a questa situazione, e riconoscere ai lavoratori del comparto i loro diritti!

Il questionario ha raccolto per 3 settimane nel mese di marzo le testimonianze di lavoratrici e lavoratori del comparto spettacolo (cinema, teatro, ambito musicale, patrimonio culturale e turismo culturale). Il campione è risultato omogeneo sia 1) sul piano geografico (con particolari disagi in Veneto, Lombardia, Piemonte per le conseguenze della pandemia), sia 2) rispetto ai settori lavorativi: attrici e attori, tecnici del suono, elettricisti, guide turistiche, educatori museali e tanti archeologici, archivisti, bibliotecari. Ha partecipato soprattutto la fascia 30-35 anni, e a livello contrattuale moltissime partite iva (quasi 800, 70/80 % degli intervistati), alcuni dei quali si definiscono “imprenditori” (probabilmente titolari di piccole aziende/associazioni).

Fra le conseguenze di medio termine si è evidenziata una tendenza a resistere ancora per poco alla crisi con le risorse di reddito possedute: una media di 1-3 mesi, con molti che sostengono di non arrivare a 1-2 settimane, indicando un settore che fa seriamente fatica a sopravvivere nell’emergenza. Fra coloro che hanno dichiarato di potere tenere di più sono quelli che hanno un’entrata alternativa o sono aiutati dai familiari. Bassissima è la percentuale dei lavoratori/lavoratrici che sostengono di avere potuto mettere qualcosa da parte per resistere oltre un anno. E ragionando sull’inquadramento contrattuale, i precari con contratti intermittenti e le partite iva si sono trovati senza entrate da un momento all’altro.

Rispetto ai settori lavorativi, circa la metà dei partecipanti ha denunciato una perdita del 100% delle entrate (918 persone), con una flessione del 20% per il comparto del patrimonio, dovuto probabilmente a un inquadramento contrattuale maggiormente tutelato. Questa perdita è quantificata per un tetto massimo che non supera gli 800 euro, che si attestano come la soglia massima di uno stipendio medio


In merito alle condizioni di sicurezza sul lavoro, la maggior parte sostiene che sono state rispettate, sebbene un numero minimo lamenti delle mancanze (probabilmente fra archeologi, funzionari di uffici o bibliotecari, archivisti).

Su un periodo di 3 settimane, la durata del questionario, rimane costante il dato che risponde alla domanda: “ritieni le misure governo adeguate?”, con il 21 % di si, il 78 % no

Fra le richieste si evidenziano due filoni: 1) il sostegno alla filiera della produzione culturale; 2) la richiesta di assunzioni immediate, ammodernamento e ristrutturazione del sistema.

Uno dei dati più interessanti riguarda, infine, le risposte alla domanda con risposta aperta rispetto ai miglioramenti e ai bisogni, con una particolare richiesta di riqualificazione del turismo culturale sul territorio per renderlo diffuso e capillare, superando il sistema attuale. Fra le altre richieste: annullamento delle tasse nel 2020, compreso l’affitto; sostegno alle partite iva e ritenute d’acconto (attualmente escluse dagli aiuti statali, un aspetto molto sottolineato); stabilizzazione dei precari, aumento delle tutele e dei salari dei lavoratori, annullamento delle esternalizzazioni a favore delle internalizzazioni); desiderio di smart working, malgrado alcune istituzioni non si siano ancora organizzate; ammortizzatori sociali; applicazione del contratto Federculture a tutte le cooperative del settore culturale; basta contratti di pochi mesi nelle fondazioni culturali private che poi prendono fondi pubblici.

Nelle conclusioni “Mi riconosci” ha rilanciato alcune richieste, sottolineando che la maggior parte delle persone che ha partecipato al questionario sostiene di conoscere almeno 50 persone in queste stesse condizioni. Tutto ciò è sintomo di un sistema che sta crollando, che non è in grado di sostenere la crisi. Un sistema fatto di precariato e di lavoretti, di manodopera precaria qualificata a basso costo che si troverà sempre un modo per pagare di meno. Ma oggi abbiamo l’occasione per ripensare tutto questo: per costruire nuovi binari per il prossimo decennio almeno, ripensare il ruolo delle istituzioni, il nostro ruolo come professionisti, il ruolo del turismo (non più macchina che ingoia e distrugge città e territori lasciandone le briciole), pensare a un’uscita da questa crisi che non ci riporti al modello folle “Venezia”. Un’occasione, insomma, di reinvestire nella tutela del patrimonio culturale e rimettere finalmente al centro la dignità e il ruolo degli operatori di settore. Che sia, appunto, “riconosciuto”: una volta per tutte.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*