Muscarà: “Avere la terra e non rovinarla è la più bella forma d’arte che si possa desiderare”

Cari Amici, consumo di acqua negli ultimi mesi è aumentato considerevolmente.
E noi non ci possiamo permettere di sciuparla!
Abbiamo il dovere di compiere dei piccoli grandi gesti di civiltà, e possiamo farlo tutti.
Anzi, dobbiamo!

Ci sono tanti modi, e io ve ne suggerisco uno

Uno dei sistemi più conosciuti per ridurre la quantità di acqua erogata dallo sciacquone è quello di occupare una parte del volume della cassetta con un semplice oggetto, come un mattone o una o due bottiglie riempita di liquido (facendo attenzione a non intralciare il funzionamento del sistema di scarico e del galleggiante).

In questo modo, ogni volta che si useranno i servizi igienici, si dimezzerà l’acqua potabile che normalmente si usa.
Questo gesto non cambierà il mondo dall’oggi al domani.

Ma se ciascuno di noi inizierà, nel proprio piccolo, a compiere questi piccoli grandi gesti (e lo ripeto!), sarà la somma che farà il totale.
E allora sì, che il mondo lo avremmo cambiato.


Abbiamo il dovere di mantenere le risorse e l’equilibrio del pianeta per non consegnare ai nostri figli un mondo con caratteristiche peggiori rispetto a quelle in cui noi stiamo vivendo.

Come affermava J.Sironneau

“Le guerre del prossimo secolo non si faranno per motivi politici o per il petrolio, ma per l’acqua. Con l’acqua si sopravvive, senza di lei non esiste il cibo. L’acqua si sta evolvendo rapidamente in una questione di alta strategia geopolitica”.

L’acqua ha un’importanza tale da poter essere considerata obiettivo strategico, finendo spesso al centro di dispute.
Tant’è che oggi viene anche definita oro blu, tant’ è la sua preziosità.

Ad esempio in Africa si è lottato a lungo per la gestione del fiume Senegal, mentre il problema transfrontaliero dell’acqua è stato particolarmente sentito allorquando l’ex Jugoslavia si disgregò in molti stati: si capì il problema della gestione di una risorsa – l’acqua – tra stati confinanti, in particolare tra Croazia e Bosnia.

L’acqua è vita

E’ la nostra prima stella

L’ultima scelta sbagliata che è stata fatta recentemente è trasformare enti pubblici della gestione dell’acqua in Società per Azioni, società che si muovono per lucro.

Purtroppo quando si parla del nostro bene più prezioso, c’è molta ignoranza in materia: si crede ch’essa sia un bene infinito. E’ vero che si rinnova mediante il ciclo naturale, ma è anche vero che questa risorsa ha dei limiti.

L’impatto antropico è andato ad incidere sul ciclo dell’acqua ed i cambiamenti climatici hanno provocato un’accelerazione del ciclo stesso: l’uomo ha disboscato, ha cementificato, insomma è andato ad incidere su quella che è l’impermeabilizzazione del terreno.

Quindi l’acqua non penetra nel terreno e la terra ha perso la capacità di trattenimento. Ciò significa che rientra subito in circolo, avendosi un’accelerazione del ciclo e del regime pluviometrico.

Come era solito ripetere Andy Wharol: “Credo che avere la terra e non rovinarla sia la più bella forma d’arte che si possa desiderare”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*