La cultura umanista di Napoli ed il virus

L’Umanità si trova a vivere o meglio sopravvivere in uno dei periodi storici più difficili di sempre.

Disgraziatamente il modus vivendi et operandi del sistema dominante che ha prodotto le condizioni per il dilagare di un “morbo” che non conosce né limiti né confini, sembra rincorrere le medesime vie che a questa tragedia hanno condotto. Venendo all’Italia, tutto appare così disastrosamente evidente, in una regione, un territorio quale quello che il nostro Presidente del Consiglio ha delineato essere il “motore d’Italia”,al cui ha promesso formalmente pronta ripartita, ovvero quello padano, che invece in quanto motore della pandemia italiana, non ha mai accennato né prima né durante ad una riflessione su azioni, atteggiamenti, idee.

Il profitto, l’interesse particolare,  l’ostinata decisione di continuare come se nulla fosse, in sintesi l’ideologia “bocconiana”, sostenuti ed alimentati dalle corporazioni industriali padane,  i tragici fatti di Alzano, del Pio Albergo Trivulzio, fino alla “gloriosa” opera del nuovo ospedale alla Fiera di Milano, le recentissime nomine governative ne appaiono come evidenze incontrovertibili.

L’Italia che dimentica una vera risorsa

L’Italia insomma pare non cedere di un passo rispetto a queste linee “guida”, dimentica ancora una volta di una risorsa vera, non da sfruttare, come avviene da circa 160 anni, ma da sviluppare e di cui farne tesoro per tutta la comunità italiana e così porsi come esempio per l’Europa e l’Umanità, ovvero della civiltà magno greca ed umanista del cosiddetto Sud e della più storica ed internazionale delle città d’Italia, appunto, Napoli.


La vituperata Napoli, “la fogna da derattizzare”, la città decomposta da migliaia di anni, l'”Affrica”, affetta “costitutivamente” dalla camorra, che per incanto diventa “italiana” per le eccellenze scientifiche (una volta che non sia più possibile deriderle, Ascierto docet), artistiche (depredate dalla gestione nord-centrica di siti monumentali e culturali, quanto non addirittura non italiane), eno-gastronomiche, ecc.

Cos’ha mostrato ancora una volta questa Napoli? Mi verrebbe da dire che questa città, la sua comunità, hanno mostrato quell’Umanità non spicciola né folcloristica, né come direbbero quelli che parlano bene, “indigenista”, del “buon selvaggio” né quella di un falso riscatto sociale (che mai indaga cause e sempre lascia macchie indelebili su di un intero popolo) e nemmeno da mitizzazioni mafiogene, proprie di certi filoni cinematografici o pseudo tali.

Comunità e benessere comune napoletano

L’Umanità, la cultura umanista di Napoli è la stessa che stava a fondamento di strutture sociali concrete non utopiche né ideali quali quella di San Leucio, non a caso immediatamente distrutte da quella stessa ideologia bocconiana ante-litteram transalpina, la stessa della democrazia diretta delle fratrie magno-greche, la stessa dell’economia civile di Antonio Genovesi. Ecco è questa Napoli che pone la comunità, il benessere comune, il primato dell’essere umano sull’economia e l’economia al servizio del benessere morale oltreché materiale dell’Uomo,  che ancora una volta emerge come quegli effluvi del rio Sebeto che insiste, sepolto ma non morto, nelle cosidette “paludi di Napoli”, nella “communio” del vico (ovvero di quegli spazi disegnati dai padri greci dell’arcaica Neapolis) del panaro, della “spesa sospesa”, megafono primitivo dell’abusato e traviato termine di “bene comune”.

L’Italia però sembra imperterrita a non dare seguito a questo indomito spirito, moto d’Umanità che viene da Napoli, cercando solo di trasmetterla come “communio” nazionale che invece rappresenta solo uno specchietto per le allodole. L’Italia sta compromettendo per sempre la possibilità di una reale, concreta, storica “communio” di affetti,  provvedendo ad approfondire un abisso insanabile tra essa stessa e questa civiltà magno-greca, umanista che Napoli le porta in dono da 160 anni.  E si muove sin d’ora l’Italia ed ancora una volta, negando questa civiltà e le possibilità di una via diversa, “umana” e non “economicista” per sé stessa, unica ancora di salvezza dalle oligarchie padane ed europeiste.

Fatti, non chiacchiere

L’utilizzo delle banche delle cui nessuna o quasi nessuna ha sede legale nel Mezzogiorno per la concessione di prestiti, ad interessi fortemente sporporzionati tra regioni del Nord e del Sud, come del risparmio meridionale presso Cassa Depositi e Prestiti, la “rimodulazione” dei fondi UE destinati al Sud, per la ripartenza del “motore d’Italia” come definito dal premier Conte, non sono chiacchiere né illazioni, ma fatti.

Ma come ebbe a dire Bud Spencer alias Salvatore Pedersoli , figlio del ventre di Santa Lucia: “Napoli è Napoli, l’Italia nun se sape che d’è”.

Napoli sopravviverà nonostante tutto, l’Italia nun se sape.

 

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Avatar
Informazioni su Massimiliano Verde 7 Articoli
Massimiliano Verde esperto e docente di lingua napoletana, promuove nel mondo il patrimonio culturale napoletano e campano in qualità di presidente dell'Accademia Napoletana. Collabora con università, associazioni, personalità che si occupano di diritti, e temi socioculturali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*