I CoroNauti consegnano 150 pacchi di viveri per la mente

Quaderni, colori, album da disegno, cancelleria, pasta modellabile, uova di Pasqua donate da un’azienda di San Giovanni a Teduccio e 15 tablet con sim, “il pacco viveri per la mente” ideato da I CoroNauti-Maestri di Strada è stato consegnato a 150 famiglie della periferia est di Napoli e del quartiere Forcella nel centro storico della città. Arriveranno presto anche altri tablet, l’obiettivo è arrivare a 150. Maestri di Strada li sta acquistando con i fondi disponibili e con la collaborazione di enti, fondazioni che metteranno a disposizione finanziamenti o tablet e computer portatili aziendali dismessi. I prossimi pacchi si arricchiranno anche di libri, in particolare “Favole al telefono” di Gianni Rodari, 60 copie donate da Einaudi Ragazzi. Il testo in queste settimane di emergenza sanitaria, grazie alla sua efficacia, è utilizzato quotidianamente dagli educatori dei Maestri di Strada della scuola primaria. I bambini ascoltano, tutte le sere, una favola del libro attraverso un messaggio vocale contenente la voce narrante dell’educatore.

Segnale tangibile

Un modo per dare quindi un segnale tangibile ai bambini e ai ragazzi, per dire loro che non sono soli o abbandonati. È fondamentale continuare ad alimentare, dare da mangiare alla mente. L’isolamento psichico, alla lunga, può diventare più grave di quello fisico.

Grazie all’accordo con la Questura di Napoli e il Commissariato di Polizia di San Giovanni-Barra, i CoroNauti sono stati autorizzati alla consegna attenendosi scrupolosamente alle norme sanitarie e di sicurezza, per gli operatori e per i destinatari.

Così il presidente

“Operiamo da tempo in territori difficili – spiega Cesare Moreno, presidente di Maestri di Strada – siamo abituati e ci sappiamo muovere e sappiamo che a questi giovani serve l’interattività, poter parlare, dialogare oltre a studiare. Andiamo al di là del compitino scolastico e ci siamo inventato appunto i Coronauti, viaggiatori della mente al tempo del coronavirus, e cercando di raggiungere il maggior numero di ragazzi cerchiamo di ‘colorare’ le giornate in casa attraverso internet e tra poco raggiungeremo anche altri ragazzi che non hanno strumenti”.


Maestri di Strada sta inoltre studiando, insieme a tecnici ed esperti, la possibilità di progettare, installare una rete di hot spot in punti strategici della zona est – oltre ai sistemi di controllo e monitoraggio della stessa – riservata agli allievi e alle famiglie che non hanno collegamento internet in modo da rendere sicura e permanente la rete cui possono accedere. Potrebbe diventare la prima e unica in tutta la periferia est della città.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*