Coronavirus. de Magistris e Menna, nessun focolaio al Vomero

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris alla presentazione a Palazzo San Giacomo sede Comune di Napoli dei nuovi quattro assessori . Da sinistra Rosaria Galiero di Sinistra in Comune, l'ex consigliera eletta tra le fila del M5s, Francesca Menna, l' ex consigliera demA Eleonora De Majo e Luigi Felaco, 12 novembre 2019 ANSA/ CIRO FUSCO

L’episodio della nota della Regione Campania che paventava la possibilità di un focolaio epidemico nel quartiere Vomero Arenella, ha procurato il legittimo timore tra i cittadini, amplificato chiaramente anche dai mass media. Viene anche riferita un’analisi che non è possibile verificare perché basata su informazioni allo stato attuale non disponibili. Al Sindaco di Napoli non è arrivata notizia di alcun focolaio al Vomero. Napoli, ricordiamolo, è esclusa dalla Task Force del tavolo di crisi istituita dalla Regione Campania, ed anche per questo è stato istituito un tavolo istituzionale con la presenza di autorevoli epidemiologici e scienziati per aiutare alla lettura e alla comprensione dei dati in possesso dell’autorità comunale.

I Proff. Signoriello, Coppola e Gentile stanno analizzando questi dati con non poche difficoltà in mancanza però di numerosi riferimenti, preziosi alla loro comprensione. Non solo gli articoli pubblicati oggi ma anche i numeri che ogni giorno vengono comunicati e pubblicati sollevano un problema grave e urgente di analisi e comunicazione delle informazioni in maniera semplice e corretta. La lettura dei dati pubblicati, scrive il Prof Signoriello, non permette di trarre conclusioni certe e definitive sui contagi nei diversi quartieri della città per una serie di motivi: Il confronto viene effettuato con i soli numeri assoluti senza valori di riferimento. Un numero assoluto per essere correttamente interpretato deve essere necessariamente riferito ad altre informazioni. Una di queste dovrebbe essere il numero di tamponi effettuati nei periodi in esame; periodi in esame che dovrebbero essere omogenei per caratteristiche organizzative. E’ noto, tuttavia, che durante questa epidemia l’organizzazione dell’assistenza territoriale è cambiata.

A inizio aprile infatti i tamponi sono effettuati dalle UCAD territoriali non solo ai pazienti gravi ma anche spesso ai loro contatti. I casi non sono stati posti in riferimento alla popolazione. Analizzare i casi senza riferirli alla popolazione porta a differenti interpretazioni. Alla data del 9 aprile in valore assoluto i quartieri con i numeri di casi positivi più alti sono San Carlo all’Arena (n.98) seguito da Fuorigrotta (n.69) e Vomero (n.64). Tuttavia, analizzandoli in riferimento al numero di abitanti l’ordine cambia. La diffusione del contagio analizzata come numero di casi COVID-19 ogni 10.000 abitanti è maggiore nel quartiere Posillipo (17,16) seguito da Vomero (14,41), San Carlo all’Arena (13,87), Chiaia (13,62) e San Ferdinando (13,49).

“E’ sempre necessario analizzare i dati con scrupoloso rigore scientifico, prima di dare informazioni ai cittadini, perché la popolazione è già molto provata emotivamente e non solo per le notizie dei decessi, delle persone ricoverate in ospedale o in casa, ma anche per la distanza sociale e la “clausura” che stanno sopportando e che mette a dura prova la stabilità emotiva di tutti. A breve, inoltre, i nostri esperti ci consegneranno i dati epidemiologici per quartiere aggiornati ad oggi e sarà allora che ci si potrà esprimere senza generare falsi allarmi che gettano nel panico i cittadini oppure avanzano commenti su dati crudi che gli stessi nostri esperti hanno ridimensionato in attesa di una lettura più approfondita ed attendibile” affermano il Sindaco de Magistris e l’assessora Menna.


 

Comune di Napoli CS

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*