Potere al Popolo Napoli: “Qualcosa non quadra nelle parole di Armando Scaturchio”

Un mese fa il picco della popolarità: il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Presidente della Repubblica Francese Emmanuel Macron, a Napoli per una visita istituzionale, fanno tappa a Piazza San Domenico per concedersi un babà e un caffè. La pasticceria prescelta è di quelle che tutti i napoletani conoscono benissimo: Scaturchio.

Un nome che ormai è anche un marchio

Oggi, un mese dopo, i tempi sono cambiati come nessuno avrebbe potuto pronosticare. Il coronavirus, il lockdown, la crisi che è sanitaria, economica e sociale insieme. Armando Scaturchio rilascia dichiarazioni a La Repubblica Napoli: “abbiamo fatto richiesta di CIG ma i lavoratori sono part-time e percepiranno solo 250-300€, come faranno a vivere? Non vedo soluzioni a breve termine, sarò costretto a ricominciare con 4 addetti, dovrò licenziare. Il clima è da sommossa civile, ho paura di uscire da casa in questi giorni.”

C’è qualcosa che non mi quadra nelle sue parole. La CIG, la Cassa Integrazione Guadagni, infatti, prevede che al lavoratore sia pagato l’80% dello stipendio precedentemente percepito. Se i dipendenti di Scaturchio avranno solo “250-300€”, quanto guadagnano in tempi normali? 315-375€ al mese.

Come FANNO a vivere? Al presente, non al futuro.


Perché due sono le ipotesi possibili.

IPOTESI 1

Si tratta di contratti regolari, nel senso che viene effettivamente rispettato ciò che essi prevedono (numero di ore lavorate, mansioni, corresponsione di istituti quali ferie, permessi, TFR, ecc.), e allora siamo dinanzi all’ennesimo esempio di salari da fame.

IPOTESI 2

Si tratta dell’ennesimo esempio di lavoratori a grigio, vale a dire sommersi sì, anche se a metà. Per capirci: gli si fa un contratto part-time, ma poi li si costringe a lavorare full-time, pagando una differenza fuori busta. Significa ferie a metà, permessi a metà, TFR a metà, eventuale NASPI a metà e, oggi, CIG a metà.

Il lavoro nero/grigio è una merda. I salari da fame anche.

Fonte: pagina Facebook Potere al Popolo Napoli

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*