In fondo cosa ci mancava prima? Riflessioni ai tempi del Coronavirus

Cosa ci mancava?

No dico, prima di tutto questo, di cosa avevamo bisogno?
Certo tutti avevamo i nostri problemi, che abbiamo ancora oggi (forse amplificati) e che purtroppo avremo anche domani.
Ma com’era la nostra vita prima di marzo?

Io, come tutti voi (o quasi), non esco di casa da circa un mese, se non una volta alla settimana per fare la spesa.
Lavoro da casa in Smart Working e sono assieme al mio compagno. Sono fortunata, mi ritengo molto fortunata, rispetto a chi deve lavorare comunque, oppure chi un lavoro non ce l’ha, e rispetto a chi è da solo. Penso soprattutto agli anziani.

Oggi è, per l’appunto, quel giorno a settimana e sono scesa per fare la spesa.
Ma al contrario di quello che molti forse penseranno, non è per me un momento piacevole.
Non approfitto di questa scusa per allontanarmi un po’ o per trattenermi più a lungo in strada, per prendere un po’ d’aria, perché quello che vedo l’aria me la toglie.
Non riesco a godere di questo momento di “libertà” come dovrei o meglio, come vorrei.
Anzi faccio tutto molto in fretta, per ritornare quanto prima a casa e rinchiudermi tra le mie quattro mura che mi danno una parvenza di normalità e di tranquillità. Almeno casa mia non è cambiata.
Quando esco invece mi rendo conto che tutto fuori è cambiato. Tutto è diverso.

Io ho la fortuna di abitare in un quartiere della città molto animato, pieno di attività commerciali e di persone, il Vomero.
Oggi tutte quelle attività, salvo le rivendite di generi alimentari, sono chiuse.
Non ci sono più tutte quelle persone per strada e le poche che incontri ti puntano da lontano e ti scansano quando le incroci, munite di guanti e mascherine.
Guanti e mascherine…


Si fa fatica addirittura a riconoscere i volti.
Se dovesse capitare di incrociare un conoscente o un amico per strada, probabilmente non ce ne accorgeremmo neppure.

Ogni volta che scendo, per la mia spesa veloce, non mi allungo come dicevo più del dovuto. Rimango in un raggio molto limitato che inconsciamente mi sono mentalmente imposta. Per intenderci, arrivo nel borgo di Antignano, poco distante da casa mia, dove per fortuna c’è un’alta concentrazione di negozi di generi alimentari e dove trovo tutto quello di cui ho bisogno. Poi torno a casa.

Per chi conosce il Vomero sa che attaccata ad Antignano c’è Piazza degli Artisti e che da lì comincia la via dello “struscio vomerese”, ovvero la zona pedonale di Via Luca Giordano.
Fino ad oggi, io lì non ci ero più arrivata.
Da quando è cominciata la quarantena, è come se la mia mente si rifiutasse di vedere, di accettare, una realtà dolorosa.
Oggi l’ho fatto.
Sono arrivata fino a Piazza degli Artisti ed ho buttato l’occhio un po’ più in là, su Via Luca Giordano,
Un’occhiata furtiva, veloce, che mi ha turbata tanto.

Il vuoto.

Questo è quello che ho visto, ma soprattutto, questa è la sensazione che ho provato, di vuoto.
Per un momento mi sono passate davanti agli occhi le immagini, come dei flashback, dell’ultima volta che ci ero stata.
Negozi aperti, caffè, aperitivi, il vocio incessante delle persone, centinaia, migliaia. Anziani, bambini, famiglie coppie, comitive di tutte le età, mi è sembrato quasi di vederne i volti.
Come eravamo  belli. Liberi, sorridenti, con i nostri problemi, ma “vivi”.

Ho chiuso gli occhi e li ho riaperti. Di nuovo il vuoto.
Dove è andato a finire tutto? Come abbiamo fatto a non capire che avevamo così tanto.
Ho fatto dietrofront e sono rientrata di corsa a casa.
Non mi interessa andare in giro in una città fantasma. Non voglio incontrare zombie con guanti e mascherine per strada.

Mi manca la mia vita.

Mi manca la mia normalità. Mi mancano le mie lunghe passeggiate. Mi mancano i miei affetti, i miei amici, il mio lavoro. Mi manca la mia vita.

Ecco, oggi so di cosa ho bisogno e sicuramente me ne ricorderò domani.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*