Potere al Popolo: chi sono i lavoratori del 118?

campania

Il servizio di 118 in regione Campania si appoggia diffusamente su Croce Rossa, Misericordia, Bourrelly, Humanitas e chi più ne ha più ne metta.
Una sorta di partita di giro per cui spesso ruotano gli appalti ma la sostanza è sempre la stessa: l’esternalizzazione di gran parte del servizio per l’emergenza e urgenza territoriale, secondo la classica logica del massimo risparmio, a danno della qualità complessiva del servizio.

Volontari

I lavoratori, in particolare infermieri e autisti soccorritori, sono inquadrati come “volontari”: hanno diritto a un rimborso spese di circa 3,5€ l’ora, per turni massacranti e deregolamentati. Spesso lavorano senza assicurazione, con titoli non adeguati, senza accesso a corsi di formazione e a tutte le garanzie di chi svolge lo stesso, identico lavoro come dipendente diretto.
È il segreto di pulcinella: lo sanno tutti; nessuno fa niente.

In questa emergenza Covid-19, su un servizio 118 già in gravissima crisi, è precipitata anche la somministrazione a domicilio dei tamponi col loro trasporto nei laboratori dedicati; il trasporto dei pazienti sintomatici negli ospedali; i tempi e le responsabilità delle sanificazioni dei mezzi, degli approvvigionamenti dei DPI intervento dopo intervento, della vestizione e svestizione del personale e una lista di ‘eccetera’ da far paura. Solo un folle avrebbe pensato che si sarebbe potuto reggere a questa ennesima pressione.

I lavoratori della “Misericordia” di Caivano sono in stato di agitazione

Denunciano da giorni la scarsa dotazione di DPI, la sollecitazione a utilizzarli più e più volte nonostante siano dotazioni usa e getta e già in partenza non a norma, la proposta di risparmiare sul loro consumo cessando le dotazioni degli autisti soccorritori.
A Sala Consilina il contagio di infermiera e autista soccorritore dell’unica autoambulanza “Humanitas” della zona ha comportato la sospensione del servizio fino a loro rientro.


Non tutti con medico a bordo

A Napoli città (e Capri) si lavora con soli 19 mezzi di giorno e 16 di notte, non tutti con medico a bordo. È un vero e proprio colpo di grazia quello della gestione dell’emergenza Coronavirus, a pensare al numero di chiamate “ordinarie”, alla superficie da coprire, alla densità di popolazione della città, ai trasferimenti da ospedale a ospedale, ai ritardi di ore per un ricovero Covid-19, di giorni per la somministrazione di un tampone. Anche qui “Croce Rossa” e “Bourrelly” sopperiscono alle mancanze dell’azienda sanitaria.

“Niente dovrà più essere come prima” significa, a fine emergenza, pretendere anche che non siano più esternalizzati e ceduti a privati i nostri servizi essenziali.
Per la tutela dei diritti di tutti, dei lavoratori e di chi di una sanità pubblica affidabile ed efficiente ha un bisogno sempre più disperato.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*