Asia assume interinali: chi garantirà la loro salute?

La notizia è di ieri. ASIA, la società partecipata dal Comune di Napoli e addetta alla raccolta dei rifiuti urbani, procederà a breve a nuove assunzioni tramite agenzie interinali.

Il provvedimento – a dire dell’azienda – si rende necessario a causa del “rilevante livello di morbilità” (leggi malattia) in un’impresa che è impegnata in un “servizio essenziale” che, pertanto, non può essere né interrotto né sospeso.

Ad essere assunti saranno lavoratori “in regime di somministrazione a tempo determinato […] per il solo periodo connesso all’attuale emergenza”.

Perché in ASIA si è arrivati a un “rilevante livello di morbilità”?

C’entrerà forse il fatto che, in tempi di coronavirus, il management si è mostrato sordo ai bisogni espressi dai lavoratori attraverso le loro RSU, che, giorni e giorni prima della tragedia che ha investito tutti, con la morte di Luigi Ferrara proprio per Covid-19, avevano chiesto la tutela della propria salute e sicurezza?


I lavoratori, con altissimo senso di responsabilità, hanno in gran parte continuato a lavorare, proprio perché consapevoli dell’utilità sociale del loro lavoro, troppo spesso sottovalutato da diversi esponenti del nostro panorama politico. Hanno chiesto però la sanificazione degli ambienti e dei mezzi di lavoro, la fornitura di adeguati DPI, la riduzione dei turni e degli orari di lavoro, così da evitare assembramenti pericolosi. Assembramenti dovuti alla ristrutturazione dei distretti che, riducendoli di numero, ha costretto centinaia di lavoratori ad ammassarsi quotidianamente in poche strutture.

Ora l’azienda decide di assumere lavoratori interinali

Noi, come Potere al Popolo!, ci chiediamo con quali garanzie per questi lavoratori che arriveranno. Ci chiediamo perché se la situazione è assolutamente critica per chi oggi è già al lavoro in ASIA, non dovrebbe esserlo a maggior ragione per chi sta per arrivare che, per di più, ha sulle spalle il ricatto di un precariato estremo e che darà disponibilità al lavoro solo perché ha bisogno davvero di uno stipendio col quale poter sperare di sopravvivere. Almeno per qualche mese. Almeno alla fame. Perché invece, per altri mali, il rischio è che ASIA non possa dare alcuna garanzia.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*