Vale più il lusso della vita di un operaio?

Ancora una segnalazione al Telefono Rosso per i lavoratori.
Angelo (nome di fantasia) è un operario e lavora in fabbrica da anni. La sua fabbrica produce un prodotto per nulla necessario ma destinato ad un mercato specifico, quello del lusso. La fabbrica dove lavora Angelo produce uno di quegli oggetti che costano molto più di quanto dovrebbero costare solo per il marchio stampato sopra. E questo è l’unico motivo per cui Angelo continua ad andare a lavoro tutte le mattine, non il bisogno che le persone possono avere del prodotto, non perché quel prodotto è indispensabile ma solo ed unicamente per quel marchio.

Possibilità non data a tutti

Angelo ci racconta che ad alcuni dei suoi colleghi è stato dato modo di turnarsi lavorando non più di 6 ore ma a lui questa possibilità non è stata data e lui continua ad avere turni di 9 ore. A lui questa piccola possibilità di salvaguardarsi non è stata data.
I padroni della fabbrica gli ha detto che probabilmente chiuderanno, che non fermeranno l’attività perché altrimenti avrebbe dovuto pagare di tasca propria metà della retribuzione e questo, a quanto pare, è per loro un’alternativa peggiore rispetto al mettere in pericolo le vite degli operai e di tutte le famiglie di questi stessi operai.

A quanto pare è così che funziona per queste persone

Il guadagno del datore vale più della vita di un operaio, la vendita di un marchio vale più della vita di un operari, permettere ai ricchi di continuare a rivendicare il loro status sociale attraverso oggetti di lusso vale più la vita di un operaio.
Ma non funziona così per noi, che ogni giorno ci battiamo perché ogni vita valga uguale, perché ogni diritto venga rispettato!


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*