Nugnes: “Male che lo Stato non provveda al lavoro per tutti”

Così l’onorevole Paola Nugnes sulla sua pagina Facebook:

Il diritto al lavoro è un diritto costituzionale che dovrebbe essere garantito a tutti dallo Stato. È lo Stato che deve provvedere ad eliminare gli ostacoli alla realizzazione di ciascuno come persona senza discriminazioni.

Una battuta…

Anzi, a dire il vero, la nostra Repubblica si tonda sul lavoro, cosa che nel tempo è diventata una battuta o poco più.

Accade così che come per molti altri diritti negati, vedi diritto alla casa, i cittadini trovino ristoro alle proprie necessità in maniera non sempre conforme a tutte le regole e a tutte le leggi dello Stato. (cosa deplorevole per carità).
Per il lavoro soprattutto, anche contro i propri principi, valori ed aspirazioni capita a moltissime persone, a Napoli sembra siano 42 mila, di doversi spostare per lavoro senza poterlo certificare.
E senza certificato ci fanno sapere quel lavoro NON esiste, non è giustificato lo spostamento.


Bene, anzi male, tre volte male

Male che lo Stato non provveda al lavoro per tutti, male che ci sia lavoro in nero e quindi sfruttamento e tre volte male che queste persone siano tre volte penalizzate, dallo Stato, dalla necessità e della negazione della propria necessità.

Anche io vorrei uno Stato legale, in cui in galera ci fossero SOLO i pochi che devono stare in galera e che non fossero costretti in situazione di sovraffollamento e mantenute tutte le forme di sicurezza sanitarie necessarie, e vorrei che non ci fossero senza tetto, che ogni uno avesse una casa dove stare e un lavoro dove recarsi o dove non recarsi per stare a casa. Ma cosi NON è.

Dovere dello Stato è provvedere, non solo reprimere e sanzionare, soprattutto là dove la responsabilità e la MANCANZA dello Stato viene PRIMA di quella di tutti gli altri cittadini.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*