Vincanto, Buono: “Fermarsi ora per non fermarsi ancora…”

Così il ristoratore Yuri Buono:

Cari amici,
dopo un’attenta riflessione e una buona dose di turbamento, ho deciso di chiudere per una settimana, dal 9 al 15 marzo.
Non si tratta di una scelta semplice perché le attività come le mie vivono degli incassi quotidiani e ora sarà tutto più difficile.
Sono però convinto che sia una scelta obbligata fermarsi.
Vedere il mio locale (di solito caldo ed accogliente) trasformarsi quasi in una mensa ospedaliera, con i posti a un metro dall’altro, senza la possibilità di salutarsi e abbracciarsi, mi ha colpito davvero nel profondo.
Da stasera avrei dovuto pubblicare foto di piatti succulenti, come faccio normalmente, per invogliarvi a venire da me.
Avrei dovuto curare una comunicazione finta perchè, con il momento che stiamo vivendo, mi sembrava davvero una forzatura inutile, del tipo “qui si lanciano appelli a restare in casa e io, in fondo, v’invoglio ad andare a cena fuori”.
Mi fermo per 7 giorni perché spero sia una scelta civica capace di riportare tutti alla normalità nel più breve tempo possibile.
In altre parole, fermarsi ora per non fermarsi ancora…
Io me lo auguro, consapevole della difficile situazione che sto vivendo, insieme a tanti colleghi che davvero non sanno più come fare ad affrontare un momento così delicato.
Ad oggi non abbiamo ancora ricevuto alcuna comunicazione da parte del Governo di eventuali sospensioni di pagamenti di tasse e di F24 che dovremo fronteggiare proprio lunedì 16 e tutto ciò aggrava una situazione già di per sé compromessa.
Tengo a precisare che la decisione di chiudere per 7 giorni non è per generare un allarmismo ingiustificato; essa non è dovuta al tasso di mortalità (di per sé bassissimo) dovuto al Coronavirus, bensì al suo elevato tasso di contagiosità, che potrebbe mettere a dura prova le nostre strutture ospedaliere, obbligando i medici a dover “scegliere” chi trasferire in terapia intensiva e chi lasciare fuori.
Confidiamo nella vostra comprensione, in quella del Governo e in quella di chi, ogni giorno, condivide con noi questo lavoro!
Non possiamo lavorare così!
Fare ristorazione dovrebbe “ristorare”, non solo il corpo, ma soprattutto il cuore e l’anima!
Grazie per la vostra collaborazione…


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*