Sorrentino: “Le scuse non ci bastano più”

Lo #spot pubblicato dall’emittente #francese, Canal Plus, in cui si vede un pizzaiuolo preparare la “#PizzaCorona” sulla quale tossisce e sputa muco, con chiaro riferimento al #Coronavirus che sta colpendo gravemente alcune regioni italiane, è una trovata pubblicitaria di pessimo gusto che nulla ha a che fare con la satira o l’ironia – ha dichiarato Flavia #Sorrentino delegata del Sindaco di Napoli e Responsabile dello #Sportello #Difendilacittà.

Tradizione e cultura

La pizza, che simboleggia la #tradizione e la #cultura popolare #napoletana, non può essere oggetto di rappresentazioni offensive ed irresponsabili che hanno l’unico effetto di indebolire l’economia territoriale e sporcare l’immagine di un prodotto di eccellenza in cui si identifica la cultura culinaria dell’Italia nel mondo.

E’ dovere delle Istituzioni tutelare l’#immagine della #pizza e dei #pizzaiuoli, la cui arte, appena due anni fa, è stata riconosciuta dall’#Unesco patrimonio immateriale dell’umanità, per evitare che in un momento di paura generale si metta a rischio il lavoro di un’intera categoria che ogni giorno con sacrificio, impegno e professionalità porta in alto il nome di Napoli nel mondo.

Incontro a breve

A breve incontrerò le #Associazioni di pizzaioli, parte integrante del Comitato promotore del Riconoscimento Unesco insieme al Comune di Napoli e aderenti al progetto “#ScegliNapoli” di cui sono responsabile, per adottare un’iniziativa comune e una risposta adeguata.
Ho invece già provveduto ad interessare l’#avvocatura comunale allo scopo di valutare eventuali azioni legali.


Napoli e la pizza sono un binomio indissolubile che saranno difesi e tutelati in tutte le sedi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*