Potere al Popolo Napoli: “Perché tanta rabbia di fronte alla morte di un quindicenne?”

Scriviamo queste righe perché quanto accaduto due giorni fa ci ha lasciati sconvolti non solo per l’accadimento in sé, tragico sotto ogni punto di vista, ma per quanto ha scatenato dopo, con la furia di commenti privi di qualsivoglia empatia e analisi.
Nessun rispetto, nella stragrande maggioranza dei commenti, era dovuto alla giovane vita di Ugo, un ragazzo “sbagliato” dalla nascita, giudicato di per sé irrecuperabile. Nessun rispetto per il dolore dei familiari, la notizia della violenza verso il pronto soccorso del Pellegrini è diventata immediatamente più importante della morte di un minorenne. Dopo l’ondata di emotività seguita alla notizia, proviamo a mettere alcuni fatti ed elementi in fila.

Omicidio volontario

1) Nonostante manchino ancora vari elementi all’indagine, la magistratura ha disposto ieri come capo d’accusa verso il carabiniere l’ipotesi di “OMICIDIO VOLONTARIO”. E’ evidente infatti che il numero di colpi sparati (soprattutto il secondo, alla nuca) non sembra giustificare l’ipotesi di legittima difesa. Su questo gli inquirenti lavoreranno e l’autopsia e l’acquisizione dei video dalle telecamere di sorveglianza ci diranno molto sulla dinamica precisa dei fatti. La procura ha affidato le indagini sul carabiniere agli stessi carabinieri, che indagano quindi su un membro del loro stesso corpo d’armata.
Noi non conosciamo il carabiniere e non odiamo le forze dell’ordine, ma ci interroghiamo, questo sì, su quanto il machismo imperante e l’inesperienza possano fare danni.

Non si sa ancora nulla

2) Sull’episodio del Pellegrini, i genitori hanno dichiarato che in quel momento erano vicini al corpo di Ugo, non si sa ancora nulla su chi sia stato a fare quei danni, il padre comunque si è scusato per la violenza contro un bene collettivo che protegge la salute di tutti e ha invitato tutti a non donare corone di fiori per il funerale ma piuttosto ad effettuare donazioni all’ospedale.

No alla criminalità

3) Noi non celebriamo la criminalità e non siamo affatto contenti che una parte dei figli della nostra città non abbia un sogno in cui credere, non possa costruire un progetto di vita e si dedichi al crimine. Ugo era un ragazzo povero che veniva da un contesto difficile, dove gli spari si avvertono almeno una volta a settimana, dove il lavoro, quando c’è, è solo precario, a nero e ipersfruttato, dove la scuola resiste nonostante i tagli ma fa sempre più fatica ed è pochissimo il personale per le educative a fronte di una città che ha un tasso di dispersione scolastica del 19% che sale sempre più vertiginosamente in determinati quartieri. In questi contesti troppo spesso l’unico modello culturale che offre una facile via d’uscita è la criminalità, la violenza, la vendetta. In questi contesti lo Stato ha fallito, e fallisce ogni volta che pensa sia più importante mandare i militari che gli educatori, ogni volta che pensa sia prioritario tutelare i privilegi di pochi e non le necessità di tanti che rischiano di soffocare.


Restiamo umani

Le parole più umane in questi giorni le abbiamo sentite dagli educatori che hanno seguito Ugo, dalla maestra del fratello, da chi è impegnato socialmente in territori difficili e può raccontare anche l’altro lato della storia, di ragazzi che ne sono sfuggiti, che ce l’hanno fatta, che hanno avuto la possibilità di sentire altre voci, di avere altre opportunità, di conquistare un riscatto.

Come scrive don Gennaro Pagano, cappellano di Nisida, nella sua bellissima lettera, non è stato solo il carabiniere ad uccidere Ugo.

“I tuoi assassini caro Ugo si nascondono nei salotti della Napoli bene, come nelle stanze della politica, tra i corridoi degli assessorati come sugli scranni del parlamento. Si celano dietro i muri sacri dei templi dello sport, della religione, dell’imprenditoria: ogni qualvolta i loro sacerdoti e i loro fedeli coltivano il proprio piccolo orto senza curarsi del giardino di tutti. I tuoi assassini si mimetizzano tra i vicoli e nelle piazze, sotto la bandiera infame della camorra meschina.”

Non lasciamo morire la ragione, restiamo umani.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*