La lingua dei napoletani e non solo: il lavoro dell’Accademia Napoletana

Il 21 Febbraio è ricorsa la Giornata Internazionale della Lingua Madre che fu proclamata come tale dalla Conferenza generale dell’UNESCO, nel novembre 1999. In tal senso poi il 16 maggio 2007 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite nella sua risoluzione 61/266 invitò gli Stati membri “a promuovere la conservazione e la protezione di tutte le lingue utilizzate dai popoli del mondo”.

 

In questa occasione per l’anno 2020, l’Accademia Napoletana,nella persona del dott.Verde Massimiliano ha inviato una nota in Napoletano (ed Inglese) ai referenti UNESCO, per evidenziare nuovamente gli aspetti di criticità circa i parlanti Napoletano in Italia, soprattutto i bambini di lingua materna Napoletana. La nota è stata condivisa anche nella pagina web dell’IYIL 2019 (Anno Internazionale delle Lingue Autoctone per l’Unesco) ove Verde informa circa il suo lavoro per la promozione e salvaguardia del patrimonio linguistico e culturale napoletano.

Diritti inalienabili

In particolare la nota, redatta in Napoletano e tradotta poi in Inglese riporta gli articoli della Costituzione Italiana che sanciscono i diritti inalienabili circa la libertà di espressione e di divieto di discriminazione, sociale, culturale e linguistica ed altresì altre disposizioni giuridiche contenute in Carte ratificate dall’Italia, in particolar modo la Convenzione sui Diritti del Bambino.


 

Ad accompagnare la missiva è infatti il lavoro didattico svolto in Italia dal Verde come esperto di lingua napoletana per l’IC 72°Palasciano di Pianura (Napoli), progetto: “Napoli Lingua e Cultura” nell’ambito di un PON del Fondo Sociale Europeo finalizzato al potenziamento dell’educazione al patrimonio culturale, artistico, paesaggistico.  Verde è anche autore, in collaborazione con docenti e giuristi di diversi continenti di numerosi progetti e conferenze per il mondo, tra cui in Brasile, negli Stati Uniti, (con un’intervista rilasciata alle Nazioni Unite), Spagna e Grecia, sempre per la salvaguardia del nostro inestimabile patrimonio linguistico e dei suoi parlanti. Verde è autore tra l’altro, del primo Corso di Lingua e Cultura Napoletana, di livello europeo,  riconosciuto formalmente dal Comune di Napoli.

Sollecitare le istituzioni

Queste collaborazioni vogliono anche sollecitare le stesse istituzioni internazionali circa la concreta difesa  dei diritti socio-culturali di comunità linguistiche nel mondo, tra le cui, quella napoletana e “meridionale”, in genere che non trovano una puntuale concretizzazione nella realtà. Perché come ha ben ricordato Octavio Paz, dopo aver accettato il premio Nobel per la letteratura, sottolineando il potere del linguaggio di unire le divisioni: “Le lingue sono grandi realtà che trascendono quelle entità politiche e storiche che chiamiamo nazioni”.

Ecco non da ultimo la collaborazione dell’Accademia Napoletana con il Gruppo Language Rights, Derechos Lingüísticos, Lenguas y Comunidades de Hablantes en riesgo, che conta quasi 9000 partecipanti. Non a caso inoltre, Verde è membro del Comitato Editoriale ed articolista della Revista de Direito Civil, coordinata dal Prof.Avv.Pietro Nardella Dellova.

Legami di amicizia da rafforzare

Insomma Verde, desidera rafforzare legami di amicizia  con tutti coloro che, purtroppo come i parlanti Napoletano in Italia (e fuori) subiscono un’inadeguata rappresentazione mediatica e sociale nel loro paese.

Il lavoro dell’Accademia Napoletana segue le indicazioni della stessa UNESCO cioè di costruire percorsi formativi che favoriscano un’istruzione bilingue o multilingue basata sulla madrelingua degli studenti che, per molti bambini napoletani, è appunto ‘o Nnapulitano.

Al tal fine Verde cerca di sensibilizzare, non con poca fatica, le istituzioni locali, cittadine e regionali della Campania, affinché accettino di realizzare progetti di questo tipo, ch’egli sostiene, per un corretto (o quanto meno adeguato) apprendimento del Napoletano.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*