Muscarà (M5S): “Sento il dovere di censurare vigorosamente due episodi che reputo gravi e discriminatori”

Così la consigliera Marì Muscarà sulla sua pagina Facebook:

In qualità di cittadina, meridionale e consigliera regionale, sento il dovere di censurare vigorosamente due episodi che reputo gravi e discriminatori.

Nelle ultime 24 ore due esponenti istituzionali italiani di primo piano hanno lanciato dei messaggi offensivi, ledendo la dignità, il rispetto e l’onorabilità di milioni di cittadini.
Due episodi gravi, da non sottovalutare e che vanno duramente ammoniti, soprattutto se si tratta di personaggi pubblici che detengono una carica elettiva.

Frasi indecorose

Mi riferisco alle frasi “I francesi sono sporchi, non avendo il bidet”, “i rumeni hanno i bambini abbandonati che vivono nelle fogne”, “i napoletani vivono nell’immondizia” pronunziate da Nccolò Fraschini, Presidente della Commissione istruzione del comune di Pavia ed addetto stampa del Consiglio regionale della Lombardia, e alla riflessione del Presidente della regione Veneto Luca Zaia che, nel corso di una trasmissione televisiva, ha asserito che il popolo cinese ci ha infettati col coronavirus perché è abituato a mangiare i topi vivi.


Ovviamente c’è stata una dura reazione, a partire dall’Ambasciata Cinese, che ha redarguito il Governatore veneto con un comunicato stampa, così come del nostro Capo politico Vito Crimi, che ha ricordato che queste frasi possono inclinare anche le relazioni commerciali fra i paesi.

Resto interdetta

Personalmente resto interdetta innanzi a questo tipo di atteggiamenti: alle soglie del 2020, fatico a credere che esponenti di primo piano della vita pubblica del nostro paese possano macchiarsi di comportamenti simili, altamente discriminatori. E ancor di piu’ mi meraviglia chi, col proprio voto, legittima certi politici a detenere le redini del potere in Italia.

Ricordo quando i leghisti della prima ora ci definivano minorati: “sono semplice invettive politiche, non ve la prendete” ci dissero, e si minimizzò. Ricordo quando la Consigliera leghista Donatella Galli sui social network “faceva il tifo” per l’Etna e per il Marsili: si disse che si trattava solo di un post facebook, e si minimizzò. Ricordo quando Umberto Bossi definì “terrone” il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. E fu graziato. Ricordo di quando Salvini intonava i cori contro i meridionali, definendoci “colerosi e terremotati”. Fu detto che si trattava di “semplici cori da stadio”. E si minimizzò.

E’ l’ora di smetterla con ma minimizzazione

Ritengo che sia venuta l’ora di smetterla con la minimizzazione e dare il giusto nome a certi comportamenti.
E il nome è RAZZISMO: qui si tratta di “discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”, sanzionabile dall’articolo 604 bis del codice penale.

E’ nostro dovere presidiare il rispetto della dignità umana e salvaguardare i principi fondamentali della nostra Carta Costituzionale, a partire dall’articolo 3 che tutela tutti i cittadini senza distinzioni di razza, religione ed etnia.

Non possiamo piu’ tollerare certi episodi, definendoli “cose da niente”. E mi viene in mente questo bellissimo monologo di Eduardo de Filippo:

“Tutte le situazioni così l’abbiamo risolte: è cosa ’e niente, è cosa ’e niente.

Non teniamo che mangiare: è cosa ’e niente.

Ci manca il necessario: cosa ’e niente.

Ci negano il diritto della vita: è cosa ’e niente.

Ci tolgono l’aria: vabbè è cosa ’e niente. Sempre cosa ’e niente.

A furia di dire “è cosa ‘e niente” siamo diventati cos’e niente.”

Fortunatamente i Napoletani dimostrano ogni giorno di essere una spanna sopra.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*