Rif. Comunista Napoli: il commento al risultato delle elezioni supplettive

napoli

Il dato più rilevante che si evince dalle elezioni suppletive di ieri per il Senato a Napoli è sicuramente l’astensione al 90%. E’ inutile e controproducente cercare di minimizzarne il significato attribuendo il tutto alla scarsa informazione o addirittura al coronavirus. Sono fattori che hanno avuto un ruolo ma che non bastano a spiegare l’entità di una così bassa partecipazione.

La drammaticità del quadro che ne esce per lo scollamento tra la città e il teatrino politico è tale che pone interrogativi a tutti – noi compresi che non avevamo dato indicazioni di voto.

Già ci sono stati e ci saranno comunicati e dichiarazioni di facciata. Ma il primo punto politico che si può trarre da queste elezioni è che esse non costituiscono alcun indicatore rappresentativo per alcuno scenario futuro, né per la città di Napoli né tanto meno per la Regione Campania o per il Paese.

Persona perbene

La “vittoria” del centrosinistra “rinnovato” e allargato, rappresentato da Sandro Ruotolo, è dovuta più alla persona perbene che all’alleanza Pd-DemA-IV, e al profilo basso mantenuto dalla destra tradizionale in queste elezioni.


In questa situazione le polemiche interne al nostro campo – quello della sinistra d’alternativa – sono ben misera cosa.
C’è chi vuole consolarsi con la percentuale raccolta e non coi voti assoluti che, purtroppo, raccontano una realtà ben precisa. Si vuole continuare, da parte di alcuni, con la linea dell’autoreferenzialità del “soli contro tutti”.

Necessaria una discussione franca

Noi, invece, pensiamo che sia necessaria una discussione franca che miri, da un lato, a mettere al centro un programma di fine mandato per il Comune di Napoli, che proponga soluzioni fattibili per invertire la rotta su rifiuti, trasporti, vivibilità; dall’altro, a individuare da subito terreni unitari d’azione come quello del referendum contro il taglio dei parlamentari.
E infine tornare a ragionare di politica per costruire per le elezioni regionali una coalizione larga e alternativa sia al governo della Regione Campania targato Pd sia alle destre, all’interno del campo delle forze di opposizione antiliberista al Governo Conte.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*