Aragno, Potere al Popolo: “Oggi sono a casa, in piazza tra i miei studenti”

Oggi sono a casa, in piazza tra i miei studenti.
Vi dico la verità, non pensavo di potermi ancora emozionare così tanto.

Abbiamo fatto una cosa molto semplice, ma di questi tempi rivoluzionaria

abbiamo ripreso un luogo storico della nostra città per stare insieme, per discutere ed utilizzare quello strumento che molti dimenticano, la storia, per capire il presente, ma soprattutto per immaginarci qualcosa di differente per il nostro futuro. In un’epoca in cui siamo sempre chiusi su noi stessi, sui nostri telefoni, in finte piazze virtuali, stare uno accanto all’altro, spalla a spalla, condividere un abbraccio, un’emozione, un sorriso, è realmente rivoluzionario.

La politica, quella vera, la immagino così

generazioni diverse che si incontrano, si conoscono ed imparano gli uni dagli altri, ma soprattutto generazioni che insieme non si rassegnano ma impegnano il proprio tempo, le proprie energie per ricostruire una comunità.

Partecipazione, solidarietà e azioni concrete.


Quanta bellezza!

L’ho detto spesso in questa campagna elettorale: io non devo promettere niente, non ne ho bisogno, mi basta raccontare quello che la mia comunità porta avanti ogni giorno.
A noi non ci troverete nei teatrini tristi della solita politica, non ci troverete nelle stanze chiuse dell’opportunismo e degli accordi sottobanco, né a braccetto con chi ha affamato ed avvelenato la nostra terra.
Ci troverete invece negli ambulatori popolari, nei doposcuola sociali, in stanze affollate dove aiutiamo chiunque abbia bisogno grazie agli sportelli legali gratuiti.

Sogno alternativo

Ci troverete a lottare contro il lavoro nero in questa città e contro chi sfrutta giovani e meno giovani pagandoli una miseria, facendoli lavorare più di otto ore al giorno.
Ci troverete un sabato pomeriggio come questo, in una piazza, a scoprire che da una semplice lezione può nascere una speranza, un sogno collettivo.

La candidatura di Giuseppe Aragno alle elezioni suppletive al senato del prossimo 23 Febbraio, non è solo la mia, ma appartiene a chi ha ancora un sogno alternativo a questa realtà.

Ringrazio queste ragazze e questi ragazzi che sono stati con me questo pomeriggio.
La campagna elettorale, tra i mille appuntamenti, ci ha regalato un momento prezioso. Grazie.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*